Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – L’estate è finita ormai da una settimana e i primi segnali dell’autunno si sono già manifestati ma la perturbazione che raggiungerà nelle prossime ore le regioni meridionali e in particolare la Calabria ha destato l’attenzione della Protezione Civile che ha emesso una allerta meteo gialla che prevede, a partire dalle prime ore di domani precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, su Sicilia e Calabria centro-meridionale, in particolare sulle aree ioniche.

La Protezione civile chiarisce che si tratta di un’area di instabilità in transito sulle coste meridionali italiane con effetti principalmente sui settori centro-meridionali della Calabria. Alle Regioni coinvolte spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati a seguito dell’avviso di condizioni meteorologiche avverse.

GUARDA LA SCHEDA CON LA SPIEGAZIONE
DEGLI STATI D’ALLERTA DELLA PROTEZIONE CIVILE

I fenomeni meteo potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che secondo quanto specificato nel bollettino di criticità possono portare ad un rischio idrogeologico definito “ordinario” dalla Protezione Civile.

Nello specifico, l’avviso prevede dalle prime ore di domani, mercoledì 28 settembre precipitazioni, a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia e Calabria centro-meridionale, in particolare sulle aree ioniche. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

L’allerta sulla Calabria riguarderà i versanti ionico centrale, meridionale e tirrenico.

Nella scala degli stati allerta il colore giallo sta ad indicare un livello di attenzione in quanto «è possibile che un evento calamitoso si verifichi sul territorio regionale, le cui conseguenze potrebbero ripercuotersi sull’incolumità della popolazione, ma la probabilità di accadimento è ancora condizionata da molteplici fattori monitorati ed in evoluzione».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •