Tempo di lettura < 1 minuto

POTENZA – «I familiari hanno espresso l’esigenza di vivere in modo riservato la vicenda in attesa degli esiti giudiziari: la famiglia è massacrata nel rivivere questa tragica storia». 

Lo ha detto all’Ansa Roberto Laghi, il legale della famiglia di Elisa Presta, la donna di 71 anni morta nel 2013 durante un intervento di cardiochirurgia per la sostituzione di una valvola aortica nell’ospedale San Carlo di Potenza.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •