Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Gli immigrati rifiutano di sbarcare in Sardegna e la nave viene dirottata a Reggio Calabria. Al centro della polemica c’è la nave Bourbon Argos dei Medici Senza Frontiere che due giorni fa ha partecipato alle operazioni di soccorso al largo delle coste libiche nel corso delle quali sono stati salvati 2.700.

PROTESTA NEL CROTONESE, IMMIGRATI AGGREDISCONO OPERATORI CENTRO

La nave che sarebbe dovuta arrivare al porto di Cagliari con 550 persone salvate al largo delle coste libiche è stata dirottata verso la Calabria. Secondo quanto si è appreso i migranti, provenienti da Somalia ed Eritrea, si sarebbero rifiutati di essere trasportati nell’isola dalla quale sarebbe stato più difficile spostarsi verso altre destinazioni. Da qui la decisione di spostare lo sbarco nel porto di Reggio, dove l’arrivo è previsto in giornata. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •