Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

Decine di appalti pubblici nelle mani della ‘ndrangheta

REGGIO CALABRIA – Decine e decine di appalti pubblici nell’area di Gioia Tauro, nel Reggino, e nella provincia di Cosenza, sarebbero finiti nelle mani della ‘ndrangheta grazie ai 35 imprenditori sottoposti a fermo stamani dalla Guardia di finanza su provvedimento delle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro. Si è operato anche  sequestro preventivo di 54 imprese aventi sede su tutto il territorio nazionale.

Dalle indagini, secondo gli investigatori, è emerso come un importante gruppo imprenditoriale operante nella piana di Gioia Tauro, si era posto come punto di riferimento della cosca Piromalli allo scopo di turbare sistematicamente almeno 27 gare indette da più stazioni appaltanti calabresi nel periodo 2012/2015, riguardanti l’esecuzione di importanti lavori pubblici nell’area della piana.

Inoltre, sempre secondo l’accusa, un noto imprenditore, grazie alle relazioni con il clan Muto, attivo sulla costa dell’alto Tirreno cosentino, e con il reggente della cosca cosentina Lanzino – Ruà – Patitucci, si sarebbe aggiudicato i più importanti appalti della provincia di Cosenza nel periodo 2013/2015.

I provvedimenti rappresentano l’epilogo di un’articolata attività investigativa svolta dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del Nucleo di Polizia Tributaria di Reggio Calabria e dal Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza. 

Tra i beni sequestrati in provincia di Cosenza:  il cantiere aviosuperficie di Scalea, impianti di risalita a Lorica in Sila, il nuovo e non ancora completato parcheggio sotterraneo di piazza Bilotti a Cosenza 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •