Tempo di lettura 2 Minuti

 

POTENZA, 28 FEB – I lavori per la realizzazione di tre sottopassi che permetteranno di eliminare i passaggi a livello di via Angilla Vecchia, via Roma e via Sicilia – sulla linea delle Ferrovie Appulo-Lucane che attraversa Potenza – sono stati aggiudicati per un importo di poco meno di dieci milioni di euro.
Lo hanno annunciato, attraverso l’ufficio stampa del Comune, il sindaco, Vito Santarsiero, e il presidente di Fal, Matteo Colamussi. Il progetto fa parte del primo lotto del servizio metropolitano ferroviario del circondario di Potenza e prevede anche “lo spostamento della piccola stazione di rione Mancusi, la realizzazione di un percorso meccanizzato di collegamento alle scale mobili di via Armellini e di un grande terminal prossimo al “nodo complesso”, per la migliore interazione della mobilità cittadina”.
Colamussi ha definito il progetto la “più grande opera ferroviaria degli ultimi cinquant’anni a Potenza”. Santarsiero ha detto che “sarà così possibile avere un servizio metropolitano rafforzato con linea urbano completamente autonoma e rinnovata”. (ANSA).

I lavori per la realizzazione di tre sottopassi che permetteranno di eliminare i passaggi a livello di via Angilla Vecchia, via Roma e via Sicilia – sulla linea delle Ferrovie Appulo-Lucane che attraversa Potenza – sono stati aggiudicati per un importo di poco meno di dieci milioni di euro.

 

Lo hanno annunciato, attraverso l’ufficio stampa del Comune, il sindaco, Vito Santarsiero, e il presidente di Fal, Matteo Colamussi. 

Il progetto fa parte del primo lotto del servizio metropolitano ferroviario del circondario di Potenza e prevede anche «lo spostamento della piccola stazione di rione Mancusi, la realizzazione di un percorso meccanizzato di collegamento alle scale mobili di via Armellini e di un grande terminal prossimo al “nodo complesso”, per la migliore interazione della mobilità cittadina”.Colamussi ha definito il progetto la “più grande opera ferroviaria degli ultimi cinquant’anni a Potenza». 

Santarsiero ha detto che «sarà così possibile avere un servizio metropolitano rafforzato con linea urbano completamente autonoma e rinnovata». 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •