Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli a carico di una ventina di persone ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, spaccio di stupefacenti e di estorsione aggravata da finalità mafiose.  Nel corso delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea i militari dell’Arma hanno documentato le attività criminali di due organizzazioni camorristiche del napoletano, i ‘D’Avinò e gli ‘Anastasiò, dediti alle estorsioni e al traffico di stupefacenti a Somma Vesuviana, Sant’Anastasia e aree limitrofe e identificato gli autori di un tentato omicidio nell’ambito di contrasti tra i due clan. Gli investigatori sono riusciti a dare un nome ai responsabili di alcuni episodi di intimidazione a cui sono stati sottoposti imprenditori per convincerli a pagare il pizzo. In un video girato nel corso delle indagini viene ripresa l’aggressione tra i clienti di una sala scommesse di quattro emissari del clan a due vittime, con uno degli aguzzini che intima ai presenti di ‘allontanarsi e di tacerè. In un’altra ripresa si vedono i colpi sparati da una moto in corsa contro l’abitazione di un altro imprenditore taglieggiato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •