X

Tempo di lettura 2 Minuti

PAOLA – Un tranquillo pomeriggio di paura quello che ieri i paolani ed in particolar modo i residenti di piazza IV Novembre hanno vissuto. Attorno alle 14 infatti un gruppetto di malviventi non ancora indentificati, decide di far irruzione nel centralissimo banco di Napoli, seminando panico e terrore all’interno e all’esterno dello stabile. Una situazione che da anni la cittadina del cosentino non viveva. Nel frattempo le forze dell’ordine un lavoro coordinato tra Carabinieri Polizia, i soccorsi e il 118 erano state avvertite, arrivando in zona in tempo immediato.

Sarebbero stati in tre dunque e a volto coperto da calze, come raccontano le prime testimonianze, ad aver agito, e tutto farebbe supporre che ad attenderli fuori facilitandone una studiata fuga, ci sarebbe stato anche un autista. Purtroppo voci che si sono rincorse senza conferme e certezze se non quella di aver animato e terrorizzato il cuore di una cittadina che a quell’orario è transitata da autobus di linea scuolabus pendolari di rientro dal lavoro.

Secondo una ricostruzione sommaria dell’accaduto, in prossimità dell’orario di chiusura mattutino dell’istituto di credito un gruppo di banditi sarebbe entrato in azione. Colpo che potrebbe aver fruttato alla banda circa 80 mila euro dalle prime stime. Malviventi armati senza scrupoli che al loro arrivo hanno causato un paio di malori tra chi era suo malgrado all’esterno della filiale. Tra questi una donna sulla cinquantina si sarebbe accasciata violentemente a terra inducendo i presenti a prestare aiuto. Un clamore ed un caos generale che involontariamente ha reso meno complicato il percorso di fuga dei tre: i rapinatori infatti sembra sarebbero riusciti ad uscire dalla banca da un’uscita di sicurezza e da li poi dileguati attraversando la spianata al di sotto il distributore Agip riuscendo per il momento a far perdere le loro tracce. Non solo Paola ma tutte le presunte vie di fuga sono ora battute a tappeto e non si esclude che i tre abbiano le ore contate.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares