Tempo di lettura 2 Minuti

REGGIO CALABRIA – Persone non identificate, a Sant’Eufemia d’Aspromonte, hanno tentato di incendiare, a scopo intimidatorio, l’auto di Antonio Melara, dipendente delle Ferrovie della Calabria e sindacalista del Sul. Il fatto è accaduto stamani dopo che Melara aveva raggiunto, a bordo della sua vettura (una Mercedes classe C) la cittadina preaspromontana per poi effettuare alla guida di un autobus della società la corsa giornaliera per Reggio Calabria. 

Gli ignoti, dopo avere spaccato i vetri dell’auto, hanno versato liquido infiammabile all’interno della vettura, abbandonandovi anche la tanica utilizzata. In precedenza, con lo stesso liquido infiammabile, avevano tracciato una striscia alla quale hanno dato fuoco. Le fiamme, però, si sono bloccate prima di raggiungere l’auto. Melara è stato informato dell’intimidazione dai carabinieri a Reggio Calabria. 
Sulla vicenda sono intervenute, con una nota congiunta, la segreteria regionale, le segreterie territoriali del comparto Trasporti e la segreteria nazionale del sindacato autonomo Sul. “Esprimiamo vicinanza e solidarietà al dirigente Antonio Melara – è scritto nella nota – che, durante il normale svolgimento delle proprie mansioni di autista, per la seconda volta a distanza di pochi mesi, è esposto a gravissimi atti intimidatori. Nel condannare il vile gesto richiamiamo l’azienda FdC ad assumere tutti i provvedimenti necessari per la tutela del dipendente Antonio Melara e di tutti gli operatori di esercizio che lavorano sulle linee interessate, operando in stretta sinergia con le forze dell’ordine per assicurare i responsabili alla giustizia”.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •