Salta al contenuto principale

Cosenza, caos intorno alla squadra: i giocatori si ammutinano
Il capitano: «Non ci alleneremo fin quando non torna Fiore»

Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 2 secondi
ATTORNO al Cosenza ormai regna il caos. La squadra di fatto si è ammutinata: anche oggi non si è allenata e a parlare a nome del gruppo è stato Aniello Parisi. Il capitano ha riunito giornalisti e tifosi dichiarando che la squadra riconosce Stefano Fiore come guida e garanzia per il futuro del gruppo. «La squadra chiede l’immediato rientro di tutta l’area tecnica, all’interno di un progetto tecnico iniziato sin da agosto e che ci vede protagonisti. Esortiamo la società a porre in essere tutti gli atti ed i passaggi societari per ristabilire la tranquillità necessaria per il campionato in corso. Se decideranno di rinunciare ad una figura come Fiore sarà una forzatura per il gruppo». 
Chiara la voce che arriva dallo spogliatoio. Kevin Marulla, scelto come team manager, ha trovato un clima caldissimo e un gruppo che anche oggi non si è allenato al sanvitino. Intanto fioccano le dimissioni a Viale Magna Grecia. I ragazzi della Juniores e degli Allievi non ha trovato lo staff al campo d’allenamento, attendendo invano
comunicazioni dal club. Dopo tre ore la società ha chiarito che domani riprenderanno gli allenamenti con un nuovo tecnico.  
Cambia volto il Cosenza e lo fa nel peggiore dei modi. La squadra non ha una guida, il settore giovanile è fermo e da due giorni i calciatori non indossano gli scarpini. Intanto il presidente Guarascio ha scelto il silenzio, ribadendo alla squadra che solo dopo la gara con il Città di Messina farà chiarezza. L’impressione è che il rapporto con Stefano Fiore sia ormai chiuso e la conferma arriva dai tanti addii, dalle dimissioni accettate dal club e dalle manovre in atto per trovare i sostituti. Nelle prossime ore potrebbero esserci sviluppi clamorosi.
La tifoseria intanto ha assistito attonita all’ennesimo pomeriggio di passione. La speranza è che si possa trovare una soluzione ma l’impressione è che di questo passo, in casa rossoblu si assisterà presto ad un vero e proprio esodo.
COSENZA – Sembra non esserci pace intorno al Cosenza. Alla querelle legata allo staff tecnico si aggiunge oggi la dura presa di posizione dei giocatori e della rosa rossoblù, per voce del capitano Nello Parisi, che si è nei fatti ammutinata e non si è allenata nel pomeriggio di oggi: “La squadra chiede l’immediato rientro di tutta l’area tecnica, all’interno di un progetto tecnico iniziato sin da agosto e che ci vede protagonisti. Esortiamo la società a porre in essere tutti gli atti ed i passaggi societari per ristabilire la tranquillità necessaria per il campionato in corso”. Insomma, la squadra non si è allenata, proprio nella settimana più dura, quella che precede la sfida con il Messina capolista,  e non si sa cosa potrà succedere nei prossimi giorni. 
Tutto è iniziato nelle scorse settimane, quando il direttore sportivo Stefano Fiore annunciò le sue dimissioni. Nella giornata di ieri, la società aveva nominato Kevin Marulla, figlio dell’icona rossoblù Gigi Marulla, come nuovo team manager, ed il presidente Guarascio aveva chiesto di mantenere la barra dritta sino al lunedì, il giorno dopo la sfida decisiva per il campionato. 
Intanto, la squadra ha incontrato anche i tifosi, per spiegare la situazione: nei giorni scorsi erano stati proprio alcuni esponenti del tifo rossoblù ad impedire alla squadra di allenarsi, chiudendo le vie di accesso al campo di allenamento. Ora l’ennesima bomba, nell’ennesima travagliata stagione del calcio cosentino

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?