Salta al contenuto principale

Bawer, Austin ha le idee chiare
"A Matera per vincere"

Basilicata

Tempo di lettura: 
7 minuti 10 secondi
LA BAWER Olimpia Matera inizia a sudare in palestra, parte ufficialmente la stagione 2013/2014 con i primi allenamenti agli ordini di coach Giovanni Benedetto. In questa occasione, si presenta ai suoi nuovi tifosi l’ala americana Kyle Austin (già intercettato dal Quotidiano nell’edizione di lunedì 19 agosto, ndr), proveniente come Anthony Jones dalla lega ungherese, di cui è stato con quasi 21 punti di media il miglior realizzatore. Nello scacchiere tattico di coach Benedetto l'ex Kormend presumibilmente partirà come ala piccola, ma la sua altezza (2.03) e la sua grande versatilità permetteranno al tecnico reggino di sfruttare, da jolly, la sua doppia dimensione che ad esempio l'anno scorso era mancata. E' lo stesso Austin a presentarsi.
"Sono intanto onorato di ricevere il benvenuto dalla Bawer - esordisce l'ex Evreux in una dichiarazione rilasciata al sito ufficiale www.olimpiamatera.it - e non vedo l'ora di cominciare sperando in una stagione di successo.  Sia io che Anthony veniamo dall'Ungheria anche se sono riuscito ad affrontarlo una sola volta e fortunatamente ha vinto la mia squadra (ride, ndr)”.  Terminata la stagione ungherese,  Austin ha colto l'occasione di chiudere la stagione in Messico con la maglia del Cananea, in una lega dove ha giocato anche ogni giorno. " E' vero che il futuro di un giocatore è importante - riprende l'americano - ma io sono concentrato solo su  questa stagione della mia carriera. E' importante fare bene adesso per guadagnarsi possibilità ancora migliori in futuro e l'esperienza messicana l'ho voluta soprattutto per provarne una lontano dall'Europa”. Il futuro, però, si chiama Matera ed Austin è realmente proiettato alla stagione in maglia biancazzurra, . Per lui pare essere arrivato il momento giusto in cui le sue ambizioni coincidono con quelle della squadra. "A venticinque anni - conclude Austin nella nota diffusa dall’ufficio stampa Bawer - il mio obiettivo della carriera è vincere. Ho lavorato duro per essere in buone condizioni e sono onorato di rappresentare Matera nel prossimo campionato. Le mie aspettative sono alte se non anche maggiori di quelle dei tifosi, ma sarà necessario che ogni giocatore ci metta anche il LA BAWER Olimpia Matera inizia a sudare in palestra, parte ufficialmente la stagione 2013/2014 con i primi allenamenti agli ordini di coach Giovanni Benedetto. In questa occasione, si presenta ai suoi nuovi tifosi l’ala americana Kyle Austin (già intercettato dal Quotidiano nell’edizione di lunedì 19 agosto, ndr), proveniente come Anthony Jones dalla lega ungherese, di cui è stato con quasi 21 punti di media il miglior realizzatore. Nello scacchiere tattico di coach Benedetto l'ex Kormend presumibilmente partirà come ala piccola, ma la sua altezza (2.03) e la sua grande versatilità permetteranno al tecnico reggino di sfruttare, da jolly, la sua doppia dimensione che ad esempio l'anno scorso era mancata. E' lo stesso Austin a presentarsi."Sono intanto onorato di ricevere il benvenuto dalla Bawer - esordisce l'ex Evreux in una dichiarazione rilasciata al sito ufficiale www.olimpiamatera.it - e non vedo l'ora di cominciare sperando in una stagione di successo.  Sia io che Anthony veniamo dall'Ungheria anche se sono riuscito ad affrontarlo una sola volta e fortunatamente ha vinto la mia squadra (ride, ndr)”.  Terminata la stagione ungherese,  Austin ha colto l'occasione di chiudere la stagione in Messico con la maglia del Cananea, in una lega dove ha giocato anche ogni giorno. " E' vero che il futuro di un giocatore è importante - riprende l'americano - ma io sono concentrato solo su  questa stagione della mia carriera. E' importante fare bene adesso per guadagnarsi possibilità ancora migliori in futuro e l'esperienza messicana l'ho voluta soprattutto per provarne una lontano dall'Europa”. Il futuro, però, si chiama Matera ed Austin è realmente proiettato alla stagione in maglia biancazzurra, . Per lui pare essere arrivato il momento giusto in cui le sue ambizioni coincidono con quelle della squadra. "A venticinque anni - conclude Austin nella nota diffusa dall’ufficio stampa Bawer - il mio obiettivo della carriera è vincere. Ho lavorato duro per essere in buone condizioni e sono onorato di rappresentare Matera nel prossimo campionato. Le mie aspettative sono alte se non anche maggiori di quelle dei tifosi, ma sarà necessario che ogni giocatore ci metta anche il cuore"
LA BAWER Olimpia Matera inizia a sudare in palestra, parte ufficialmente la stagione 2013/2014 con i primi allenamenti agli ordini di coach Giovanni Benedetto. In questa occasione, si presenta ai suoi nuovi tifosi l’ala americana Kyle Austin (già intercettato dal Quotidiano nell’edizione di lunedì 19 agosto, ndr), proveniente come Anthony Jones dalla lega ungherese, di cui è stato con quasi 21 punti di media il miglior realizzatore. Nello scacchiere tattico di coach Benedetto l'ex Kormend presumibilmente partirà come ala piccola, ma la sua altezza (2.03) e la sua grande versatilità permetteranno al tecnico reggino di sfruttare, da jolly, la sua doppia dimensione che ad esempio l'anno scorso era mancata. E' lo stesso Austin a presentarsi.
"Sono intanto onorato di ricevere il benvenuto dalla Bawer - esordisce l'ex Evreux in una dichiarazione rilasciata al sito ufficiale www.olimpiamatera.it - e non vedo l'ora di cominciare sperando in una stagione di successo.  Sia io che Anthony veniamo dall'Ungheria anche se sono riuscito ad affrontarlo una sola volta e fortunatamente ha vinto la mia squadra (ride, ndr)”.  Terminata la stagione ungherese,  Austin ha colto l'occasione di chiudere la stagione in Messico con la maglia del Cananea, in una lega dove ha giocato anche ogni giorno. " E' vero che il futuro di un giocatore è importante - riprende l'americano - ma io sono concentrato solo su  questa stagione della mia carriera. E' importante fare bene adesso per guadagnarsi possibilità ancora migliori in futuro e l'esperienza messicana l'ho voluta soprattutto per provarne una lontano dall'Europa”. Il futuro, però, si chiama Matera ed Austin è realmente proiettato alla stagione in maglia biancazzurra, . Per lui pare essere arrivato il momento giusto in cui le sue ambizioni coincidono con quelle della squadra. "A venticinque anni - conclude Austin nella nota diffusa dall’ufficio stampa Bawer - il mio obiettivo della carriera è vincere. Ho lavorato duro per essere in buone condizioni e sono onorato di rappresentare Matera nel prossimo campionato. Le mie aspettative sono alte se non anche maggiori di quelle dei tifosi, ma sarà necessario che ogni giocatore ci metta anche il cuore".
LA Bawer Olimpia Matera inizia a sudare in palestra, parte ufficialmente la stagione 2013-'14 con i primi allenamenti agli ordini di coach Giovanni Benedetto. In questa occasione, si presenta ai suoi nuovi tifosi l’ala americana Kyle Austin, proveniente come Anthony Jones dalla lega ungherese, di cui è stato con quasi 21 punti di media il miglior realizzatore. Nello scacchiere tattico di coach Benedetto l'ex Kormend presumibilmente partirà come ala piccola, ma la sua altezza (2.03) e la sua grande versatilità permetteranno al tecnico reggino di sfruttare, da jolly, la sua doppia dimensione che ad esempio l'anno scorso era mancata. E' lo stesso Austin a presentarsi.
"Sono intanto onorato di ricevere il benvenuto dalla Bawer - esordisce l'ex Evreux in una dichiarazione rilasciata al sito ufficiale www.olimpiamatera.it - e non vedo l'ora di cominciare sperando in una stagione di successo.  Sia io che Anthony veniamo dall'Ungheria anche se sono riuscito ad affrontarlo una sola volta e fortunatamente ha vinto la mia squadra (ride, ndr)”.  Terminata la stagione ungherese,  Austin ha colto l'occasione di chiudere la stagione in Messico con la maglia del Cananea, in una lega dove ha giocato anche ogni giorno. " E' vero che il futuro di un giocatore è importante - riprende l'americano - ma io sono concentrato solo su  questa stagione della mia carriera. E' fondamentale fare bene adesso per guadagnarsi possibilità ancora migliori e l'esperienza messicana l'ho voluta soprattutto per provarne una lontano dall'Europa”. La prospettiva immediata, però, si chiama Matera ed Austin è realmente proiettato alla stagione in maglia biancazzurra, . Per lui pare essere arrivato il momento giusto in cui le ambizioni personali coincidono con quelle della squadra. "A venticinque anni - conclude Austin nella nota diffusa dall’ufficio stampa Bawer - il mio obiettivo della carriera è vincere. Ho lavorato duro per essere in buone condizioni e sono onorato di rappresentare Matera nel prossimo campionato. Le mie aspettative sono alte se non anche maggiori di quelle dei tifosi, ma sarà necessario che ogni giocatore ci metta anche il cuore".
QdB - redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?