Salta al contenuto principale

Malagò: "Totti da Pallone d'Oro"
E dà il benevenuto a Tohir

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

"NON credo che esista, ma Totti meriterebbe il Pallone d'Oro alla carriera, come francamente lo meriterebbero Del Piero e Maldini, simboli di un calcio italiano che sta scomparendo". Lo ha detto il presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, stamattina a Potenza, prima tappa della sua giornata in Basilicata proseguita poi con il pomeriggio materano. Ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle frasi di Balotelli, e sul suo rapporto con i media, Malagò ha spiegato che "lui è l'unico giocatore che può fare reparto da solo, come dicono gli esperti, e i 60 milioni di allenatori italiani cui mi associo: Mario deve però trovare da solo un equilibrio anche nelle esternazioni, perché la sua forza, anche mediatica, lo porta spesso a essere stuzzicato e provocato". "E su questo - ha concluso - deve trovare equilibrio e saggezza".

Capitali stranieri un bene per Italia - ''L'arrivo di capitali stranieri è un bene per il calcio italiano: su questo non dobbiamo essere prevenuti, ma dimostrare di avere coraggio'' ha commentato parlando della cessione dell'Inter all'imprenditore indonesiano Erick Thohir. ''Thohir - ha aggiunto - è figlio della globalizzazione del calcio, che può non piacere ai puristi e ai romantici, di cui capisco le ragioni: ma se bisogna giocare questa partita con le altre big europee, non si può ignorare il contesto. L'ideale - ha concluso - sarebbe un presidente o l'azionista della porta accanto, ma se non c'è, il rischio è l'impoverimento della società anno dopo anno''.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?