Salta al contenuto principale

Calcioscommesse, oltre a Ringhio e Brocchi
indagati altri calciatori della serie A

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

 

CREMONA, 17 DIC - Sono dieci, tra calciatori in attività ed ex calciatori, i giocatori coinvolti nel nuovo filone d’indagine della procura di Cremona sul calcioscommesse.
Oltre a Ringhio Gattuso e Cristian Brocchi, sono finiti sul registro degli indagati Claudio Bellucci, ex giocatore di Modena, Napoli, Bologna e Sampdoria, attualmente allenatore giovanile; Davide Bombardini, ex di Roma, Bologna, Atalanta e Albinoleffe; Leonardo Colucci, ex di Modena e Bologna attualmente allenatore giovanile; Lorenzo D’Anna, ex del Chievo oggi allenatore giovanile; Nicola Mingazzini, ex di Bologna e Albinoleffe, attualmente al Pisa; Claudio Terzi, giocatore del Siena; Samuele Olivi, ex di Salernitana, Piacenza e Pescara oggi al Grosseto; Fabrizio Grillo, giocatore del Siena. 

SONO dieci, tra calciatori in attività ed ex calciatori, i giocatori coinvolti nel nuovo filone d’indagine della procura di Cremona sul calcioscommesse che ha visto tra gli indagati i nomi eccellenti del calabrese Rino Gattuso e Cristian Brocchi (LEGGI). 

 

Sono finiti sul registro degli indagati anche Claudio Bellucci, ex giocatore di Modena, Napoli, Bologna e Sampdoria, attualmente allenatore giovanile; Davide Bombardini, ex di Roma, Bologna, Atalanta e Albinoleffe; Leonardo Colucci, ex di Modena e Bologna attualmente allenatore giovanile; Lorenzo D’Anna, ex del Chievo oggi allenatore giovanile; Nicola Mingazzini, ex di Bologna e Albinoleffe, attualmente al Pisa; Claudio Terzi, giocatore del Siena; Samuele Olivi, ex di Salernitana, Piacenza e Pescara oggi al Grosseto; Fabrizio Grillo, giocatore del Siena. 

Tra le 16 perquisizioni fatte nell’ambito del calcioscommesse questa mattina in tutta Italia «alcune hanno avuto esito positivo. Abbiamo acquisito appunti che certamente si riferiscono a scommesse e a partite di calcio». Lo ha detto il procuratore Roberto Di Martino durante la conferenza stampa in questura a Cremona. Le persone sono indagate anche solo per avere avuto contatti con una delle due persone arrestate questa mattina, in particolare il 'Civ' come era soprannominato Francesco Bazzani ritenuto personaggio prevalente rispetto a Spadaro. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?