Salta al contenuto principale

Buone indicazioni per il Potenza
A centrocampo piace Mandorino

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

 

Buone indicazioni per Mimmo Giacomarro dalla prima uscita del Potenza. L’amichevole disputata a Chiaromonte contro una selezione locale è finita 7-0, dando modo così anche ai tifosi presenti sugli spalti del “Puppo” di tributare i primi applausi ai rossoblù, reduci da sette giorni di ritiro. Ad aprire le marcature è stato Roberto Palumbo, su rigore. A seguire sono andati a segno Di Senso (tris), Bartolini e il giovane Zaccagnino, autore di una doppietta nel finale. 

 

LE INDICAZIONI Giacomarro ha subito impostato la squadra secondo il 3-5-2 su cui ha lavorato nella prima settimana. Debutto per l'albanese Terbeshi (96) tra i pali, con il titolare Patania (94) schierato con gli avversari. Tobia Melis al centro di un terzetto difensivo completato da Akuku (96) sul centrodestra e Posillipo sul versante opposto. Gli altri due under obbligatori sono stati schierati sulle corsie esterne: a destra Di Lucchio (96) e a sinistra Remo Basso (95), uno dei tanti ex del Termoli, tra i più in palla nonostante abbia caratteristiche da mezz’ala. In mezzo al campo il tecnico siciliano ha affidato a Cianni le chiavi della regia, affiancandogli il dinamismo e la sostanza di Viola e Marini. In avanti, subito insieme Palumbo e Bartolini per iniziare a costruire un feeling da cui dipenderanno gran parte delle fortune rossoblù. Nella ripresa spazio per tutti gli altri, compresi Lolaico e Di Senso, quest’ultimo autore di una tripletta. A segno due volte anche il giovanissimo Zaccagnino (97), ancora in prova, che tenta così di rilanciare le sue quotazioni. Fisiologica la pesantezza nelle gambe di un gruppo che ha addosso carichi di lavoro atletico non indifferenti. Mercoledì si torna in campo, a Moccone (sulla Sila) nel più impegnativo test con il Crotone di Massimo Drago, protagonista della prossima Serie B. 

 

 

MERCATO Dall’amichevole è emerso ciò che manca, ad oggi, per completare l’organico a disposizione di Giacomarro. Sono stati schierati due 96 e un giocatore fuori ruolo (Basso) perché il d.s. Chiaradia è ancora alla ricerca di almeno due esterni classe ‘95, visto che anche Mazzei (94, ex Montalto) ha lasciato il gruppo. Serve pure un’alternativa under in attacco, ma non subito. Il tassello da aggiungere più in fretta al mosaico rossoblù è quello di un interno di centrocampo d’esperienza. Matteo Berretti resta la prima scelta, ma difficilmente si andrà oltre 48 ore nell’attendere la risposta del toscano. In alternativa, è venuta meno la candidatura di Nicola Muratore, ex Melfi, che ha rimediato la rottura del tendine d’Achille allenandosi con una squadra greca in ritiro in Liguria. Torna quindi d’attualità una pista seguita nelle scorse settimane: Stefano Mandorino (87), altro ex del Termoli, che non si è accordato con il Matelica e agli ordini di Giacomarro ci tornerebbe di corsa.

 

Twitter @pietroscogna

(ha collaborato Federico Pellegrino)

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?