X
<
>

Il millenario platano di Curinga

Tempo di lettura < 1 minuto

CURINGA (CATANZARO) – Il millenario Platano di Vrisi si aggiudica il secondo posto all’European Tree of the year. Poco fa sono stati annunciati i vincitori ed il primo posto con 104. 264 voti è andato alla Spagna con “La millenaria Carrasca di Lecina” detto anche l’albero delle streghe. È arrivato terzo, invece, l’Antico Sicomoro l’albero che rappresentava la Russia con 66.026.

Il millenario Platano di Curinga ha ottenuto in totale 78.210 preferenze. Un ottimo risultato per il “Gigante buono” come è stato ribattezzato. La sua storia e la sua portata hanno affascinato numerosi curiosi fuori dai confini locali, regionali e nazionali, pertanto per tutta la comunità curinghese e calabrese è un risultato eccellente, che già sta portando i propri frutti sul territorio; con numerose visite turistiche che si registrano nel fine settimana.

Come si ricorderà a concorrere al titolo di European Tree of the year vi erano 14 alberi sparsi su tutto il territorio europeo, ognuno con una storia particolare che metteva in risalto l’attaccamento dell’arbusto con il suo territorio. Il voto è durato per tutto il mese di febbraio ma prima dell’ultimo round, quando sul podio si erano posizionati Spagna, Russia e Italia, il voto è stato oscurato e così la proclamazione del vincitore è avvenuta nel primo pomeriggio di oggi.

La premiazione si è svolta in modo particolare con una registrazione web, in cui sono intervenuti rappresentati ed esponenti europei ed in cui è stata raccontata la storia di tutti i partecipanti al concorso dell’albero Europeo 2021.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares