X

Tempo di lettura < 1 minuto

ROMA – Anna Gaetano, la sorella di Rino, protesta contro la presidente della Regione Calabria Jole Santelli per l’utilizzo della voce del fratello nel video Riparti Calabria (GUARDA) senza essere stata chiesta l’autorizzazione.

«Non c’entrano i diritti d’autore, ma il rispetto», dice la Gaetano. «Perché una cosa tanto semplice non è chiara alla signora Jole Santelli, che ha utilizzato la voce di mio fratello? Eppure lei ricopre un’alta carica e ciò che dico non è di così difficile comprensione. Bisogna chiedere prima di agire, specie se per una manovra istituzionale come “Riparti Calabria”».

«A me non è arrivata alcuna richiesta di autorizzazione – prosegue Anna Gaetano – né dalla Regione Calabria, né da Achille Lauro o da Gucci. È troppo facile cambiare il testo di un brano così apprezzato in questo momento storico, dicendo poi niente di più, niente di meno che quello che già mio fratello esprime. Questa è una imperdonabile violazione a danno di Rino».

«Tutto questo – conclude – si aggiunge agli utilizzi dei suoi brani a scopo politico, agli abietti interessi di molti che vogliono collegare a tutti i costi il proprio nome a quello di mio fratello per farsi propaganda, alle manovre di basso sciacallismo e illazioni sulla sua scomparsa ad opera di qualche “scrittore”, oltre che alle inesattezze che alcuni diffondono per riempire i rotocalchi».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares