X
<
>

Un pesce morto nelle acque della costa jonica catanzarese

Condividi:

CATANZARO – Continua l’inquietante scia di morti tra la fauna marina che imperversa sulla costa da Montepaone a Catanzaro Lido, portando a svariate segnalazioni alle forze dell’ordine.

I più ottimisti hanno pensato a un macabro scherzo, ma tra i bagnanti l’ipotesi più accreditata è quella degli sversamenti illeciti in mare, che hanno provocato, oltre ai macabri ritrovamenti, anche chiazze maleodoranti e bolle, a pelo d’acqua, per diverse ore.

Il fenomeno, registrato la settimana scorsa anche sul Tirreno, tra Pizzo e Bivona (LEGGI), sta ancora investendo la costa jonica catanzarese, seppure in modalità ridotte rispetto al fine settimana di Ferragosto.

Diversi i gestori di lidi catanzaresi ricordano misteri simili avvenuti anche negli anni scorsi, seppure in quantità inferiore e spesso giustificati come “scarti paranza”.

«Cefali, acciughe, sono il pescato di questi giorni. Oppure può trattarsi del passaggio di qualche grande predatore» dichiarano in zona Porto.

L’avvistamento di pesci galleggianti a pochissimi metri dalla riva comunque inquieta i numerosi bagnanti di questi giorni e si attende l’intervento di carabinieri e il servizio veterinario dell’Asp che, sulla costa tirrenica, stanno già svolgendo le dovute indagini.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA