X

Tempo di lettura 3 Minuti

Cosa prevede l’avviso e come usufruire dell’iniziativa

L’amministrazione regionale ha pubblicato l’avviso “StaInCalabria” per l’erogazione di buoni servizio (voucher) in favore di nuclei familiari.

L’obiettivo dell’intervento è quello di sostenere la spesa per consumi turistici e ricreativi, consentendo la sopravvivenza delle micro-attività economiche del settore turistico e di tutte le attività a esso collegate. Si intende, in particolare, scongiurare la scomparsa di piccole imprese e la conseguente perdita di posti di lavoro, stagnazione del comparto, perdita di fonti di reddito per gestori e lavoratori impegnati nelle attività.

La misura, inoltre, ha la finalità di sostenere le famiglie calabresi meno agiate, così da stimolare la ripresa della vita sociale favorendone la capacità di spesa e inducendo alla fruizione di attività turistiche che sarebbero altrimenti precluse.

L’oggetto dell’operazione

In coerenza con le finalità inclusive dell’iniziativa, l’operazione interviene attraverso la concessione di un buono (voucher servizi) a favore di nuclei familiari residenti in Calabria (destinatari), da utilizzare per sostenere le spese relative all’acquisto di un pacchetto soggiorno di almeno 3 notti, spendibile presso strutture ricettive ubicate sul territorio della Regione Calabria aderenti all’iniziativa.

Le strutture vengono individuate attraverso una procedura di manifestazione di interesse espletata telematicamente attraverso registrazione e adesione mediante la piattaforma web dedicata, secondo le indicazioni e modalità previste nella manualistica pubblicata all’interno delle pagine web relative all’operazione, presenti sui portali istituzionali Calabria Europa e Fincalabra.

La dotazione finanziaria

Le risorse finanziarie a disposizione ammontano complessivamente a 14,5 milioni di euro.

I soggetti destinatari

La domanda per la concessione del voucher “StaInCalabria”, da spendere esclusivamente presso le strutture convenzionate, può essere presentata dai nuclei familiari colpiti da forte disagio economico aggravato o determinato dell’emergenza sanitaria. Gli interessati devono inoltre possedere al momento della domanda i seguenti requisiti:
a) essere residenti in un Comune della Regione Calabria;
b) avere un reddito, riferito al nucleo di appartenenza, con Isee non superiore a 20 mila euro.

I voucher sono assegnati mediante una procedura a sportello, sulla base dell’ordine di arrivo delle domande pervenute.

Valore e caratteristiche del voucher

Il buono consiste in un titolo di spesa che consente la fruizione di servizi presso le strutture ricettive alberghiere e del turismo della Regione.

Il voucher è di importo predefinito e precisamente di 80 euro per un nucleo familiare composto da una persona, 160 euro per due persone, 240 euro per tre persone e 320 euro per quattro o più persone. Il bonus non è convertibile in denaro, non può essere usato nel Comune di residenza del titolare e al di fuori della Regione, deve essere speso in unica soluzione, non può cumularsi con altri benefici previsti per l’acquisto degli stessi beni e deve essere utilizzato entro il 31 ottobre 2020.

Le strutture abilitate al riscatto dei voucher sono unicamente quelle che aderiscono all’iniziativa, partecipando alla manifestazione di interesse attraverso la piattaforma web dedicata.

Presentazione delle istanze

A partire dal 14 luglio 2020, attraverso il portale Calabria Europa, all’interno della pagina web relativa all’operazione, è possibile accedere alla piattaforma online per l’adesione alla manifestazione di interesse da parte delle strutture alberghiere intenzionate ad aderire all’iniziativa.

A partire dal 20 luglio 2020 e fino al 30 settembre 2020, invece, sempre attraverso il portale Calabria Europa, le famiglie interessate possono accedere alla piattaforma online per la trasmissione delle istanze di concessione dei voucher.

I moduli di partecipazione devono essere compilati secondo le istruzioni fornite e le procedure descritte nella manualistica d’uso dedicata, pubblicata sui portali Calabria Europa e Fincalabra, nelle pagine relative all’operazione. La trasmissione delle domande con modalità diverse comporta l’esclusione dalla procedura. Il voucher è corrisposto in formato digitale attraverso un’apposita web app.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares