X
<
>

Agostino Papaianni dopo il suo arresto

Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – È uno degli ultimi latitanti del maxi blitz Rinascita Scott. Uccel di bosco da quel 19 dicembre 2019. Fino a stamattina.

La Squadra Mobile di Catanzaro ha infatti catturato nella mattinata di oggi Agostino Papaianni, 70enne di Coccorino di Joppolo, ritenuto esponente del clan Mancuso di Limbadi, già noto alle forze dell’ordine.

LA SCHEDA: 4 LATITANTI DI RINASCITA SCOTT ANCORA RICERCATI

Non ha opposto alcuna resistenza, ha confermato subito la propria identità lasciandosi arrestare prima di essere portato nel carcare di Siano. Agostino Papaianni è stato individuato in un appartamento attiguo a un B&B situato nel quartiere Ianò di Catanzaro.

I particolari del suo arresto sono stati illustrati dal questore di Catanzaro, Mario Finocchiaro, dal dirigente della Squadra Mobile, Alfonso Iadevaia, e dal funzionario Salvatore Costantino Belvedere.  

GUARDA IL VIDEO DELL’ARRESTO DI AGOSTINO PAPAIANNI

Papaianni è stato trovato nell’appartamento con tutti i confort necessari. Aveva con sé, come spiegato in conferenza stampa, quotidiani, libri, cruciverba e persino una palestra attrezzata. Secondo la ricostruzione della polizia, l’esponente della ‘ndrangheta si trovava in città almeno dal mese di aprile e ora le indagini puntano a ricostruire i possibili fiancheggiatori. 

Il blitz non è stato facile e ha portato all’impiego di diversi poliziotti, dal momento che l’appartamento è posizionato tra vicoletti pedonali e con un’ampia area verde alle spalle. Anche il procuratore Nicola Gratteri, è stato evidenziato, ha espresso la propria soddisfazione per l’arresto del latitante.

Il questore Finocchiaro ha sottolineato che si è trattato di «un’importante operazione» possibile grazie al «costante, oscuro e quotidiano lavoro della polizia» e portata a termine con «un blitz improvviso in cui sono riusciti a bloccarlo senza possibilità di fuga».  

Il latitante è stato rintracciato, come sottolineato dal capo della Squadra Mobile, «nell’ambito di acquisizioni investigative per altri procedimenti, facendo emergere la presenza del latitante in una struttura ricettiva del quartiere».

La polizia ha evidenziato che l’arresto di Papanianni è il secondo che coinvolge un latitante di “Rinascita Scott” nel territorio del Catanzarese. A gennaio, nelle campagne di Maida, era toccato a Domenico Cracolici. «Questo evidenzia un legame tra i territori – ha spiegato Iadevaia – d’altronde sono storici i collegamenti tra le cosche vibonesi e crotonesi con la provincia di Catanzaro».  

Il capo della Mobile ha anche reso noto che il proprietario dell’appartamento aveva la foto di un documento di identità risultato falso, ma non rinvenuto nella perquisizione. Ad aggravare la sua posizione, però, il fatto che «nonostante Papaianni fosse lì da tempo – ha aggiunto Iadevaia – non c’era un contratto registrato, per cui bisognerà capire le responsabilità». 

Il funzionario Belvedere, che ha diretto il blitz di stamattina, ha spiegato: «E’ stata un’attività complessa, ma organizzata nei minimi particolari, chiudendo ogni via di fuga. Papaianni è stato subito immobilizzato e non ha opposto resistenza, confermando la sua identità. Lo abbiamo trovato in forma, con la palestra a sua disposizione e indossava una maglietta ginnica».  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA