X
<
>

Arisa in costume

Tempo di lettura 2 Minuti

A sorpresa la cantante lucana Arisa, al secolo Rosalba Pippa, annuncia il desiderio d fare un calendario, e non un calendario qualsiasi ma un calendario senza veli.

“Mi piacerebbe a 90 anni, 100 anni, 145 anni, guardarmi indietro e dire: ero bella”, ha svelato Arisa, attualmente impegnata come insegnante nella scuola di “Amici”mentre nel prossimo futuro è attesa sul palco del Festival di Sanremo con il brano “Potevi fare di più”.

Durante il programma televisivo “Da noi… a ruota Libera, in onda su Rai Uno con la conduzione di Francesca Fialdin, infatti, Arisa ha confessato il suo desiderio: «Forse farò un calendario. Io la nudità non la vedo in una maniera morbosa. Io penso che i corpi siano corpi, che siano tutti belli e rappresentino l’identità della persona».

Un messaggio che si sposa con la nuova linea di difesa del body positive e che si aggiunge ad un’altra rivelazione ossia quella di aver sciolto tutto l’acido ialuronico per tornare al naturale completamente: «La mia bocca ora è originalissima, dopo un lungo periodo di riflessioni sul mio aspetto fisico. Se ero bella o non ero bella, se piacevo o non piacevo. E dopo varie infiltrazioni di acido ialuronico, quest’anno ho deciso di sciogliere tutto».

Arisa ha raccontato anche che «Dopo il 31 agosto sono ritornata alla mia faccia. Volevo ritornare com’ero. Magari qualcos’altro lo rifarò, ma mi piaceva l’idea di vedere la mia faccia normale a 38 anni. Mi sono voluta riappropriare della mia persona» ha aggiunto Arisa.

Nel salotto della Fialdin ha poi concluso con un ulteriore messaggio positivo: «Mi amo a giorni alterni. Però il mio pensiero è fare sempre qualcosa per volersi bene ogni giorno, dedicarsi delle attenzioni anche se non sempre è possibile farlo. Io oggi non so dove sto andando, ma mi succedono sempre cose bellissime. Nella vita ho sofferto tanto e solo per colpa mia, sono stata condizionata tanto in passato, ma ho capito che bisogna avere fiducia nel futuro».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares