X

Il tratto del terzo megalotto

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Millecinquecento posti di lavoro tra diretti e indiretti: sono quelli creati per la realizzazione del 3° megalotto della Strada Statale Jonica, la cui cerimonia di posa della prima pietra si svolgerà martedì 19 maggio a Francavilla Marittima, in provincia di Cosenza.

L’opera, del valore di circa 800 milioni di euro, commissionata dall’Anas nell’ambito di un investimento complessivo di 1,3 miliardi di euro, sarà realizzata dal Gruppo Webuild in corso di consolidamento nell’ambito di Progetto Italia, l’operazione industriale promossa da Salini Impregilo per il rafforzamento ed il rilancio del settore delle infrastrutture nel Paese. Il Megalotto 3 della Strada Statale Jonica prevede la realizzazione in nuova sede della tratta della SS-106, che dall’innesto con la SS-534 (Km 365+150), nell’area di Sibari, arriva a Roseto Capo Spulico (Km 400+000), in Calabria.

La durata dei lavori prevista è di circa sette anni. L’opera si svilupperà per 38 chilometri e correrà a circa un chilometro dal tracciato storico, andando a collegare i litorali ionici della Calabria, della Basilicata e della Puglia, e a costituire anche una cerniera tra il sistema trasportistico dell’Autostrada A3 e la Puglia. Il progetto assume un profondo valore per il territorio in cui si innesta grazie anche alle opere di riqualificazione paesaggistica del Parco Archeologico di Sibari. La strada Jonica è anche parte della Rete Trans-European Transport Network (TEN-T) che collega le reti di trasporto all’interno del continente europeo.

Il Gruppo Webuild, che ha realizzato 80.291 chilometri di strade e autostrade nel mondo, è all’opera nel Sud Italia anche su altri progetti parte della rete TEN-T, come linea ferroviaria ad alta velocità Napoli-Bari, nella tratta Apice-Hirpinia di 18 km, del valore di 608,1 milioni di euro, e in quella tra Napoli e Cancello da 15,5 km, del valore di 397 milioni di euro. Il Gruppo sta inoltre realizzando la linea ferroviaria Bicocca-Catenanuova, progetto da 186 milioni di euro per la progettazione e l’esecuzione del raddoppio di una sezione di 38 chilometri sulla tratta ferroviaria Bicocca-Catenanuova, sulla linea Palermo-Catania. L’opera permetterà di spostarsi tra le due città siciliane in meno di due ore.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares