X

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Tempo di lettura 3 Minuti

L’EPIDEMIA di coronavirus non ferma l’eccellenza italiana, come dimostrano i venticinque nuovi Cavalieri del Lavoro nominati da Sergio Mattarella in occasione della Festa della Repubblica.

Il Sud è rappresentato da tre imprenditori di alto profilo. Il più giovane è il potentino Umberto Pesce (classe 1968), attivo nel settore dell’industria metalmeccanica. È infatti presidente di Psc Spa, azienda di famiglia nata come ditta per l’installazione e manutenzione di impianti elettrici e oggi attiva nel campo della tecnologia applicata alle grandi opere edili. Negli anni ’90 ha aperto una sede a Roma, iniziando a collaborare con i principali General contractor. Nel 2013 ha avviato l’acquisizione di commesse all’estero e iniziato a rilevare aziende di impiantistica del settore ferroviario e energetico. Oggi il gruppo è diviso in 5 business unit: elettromeccanico, antincendio, ferroviario, navale e telecomunicazioni e realizza progetti di impiantistica chiavi in mano. Con 22 sedi in Italia e 8 nel mondo, occupa 2.500 dipendenti. Ha contribuito alla realizzazione della Nuvola di Fuksas a Roma e sta partecipando al progetto per lo stadio Al Bayt in Qatar.

Da Palermo, invece, viene Nicola Fiasconaro, nato nel 1964. È amministratore della Fiasconaro srl, dedita alla realizzazione di prodotti da forno a lievitazione naturale e di specialità dolciarie siciliane. Sul finire degli anni 90 ha avviato con successo la creazione di panettoni artigianali con ingredienti tipici dell’isola, come le mandorle d’Avola e i canditi di Lentini. La crescita aziendale si è concretizzata (nel 2000) con l’apertura di un nuovo stabilimento di 4.800 metri quadrati. Il percorso di crescita e la notorietà delle produzioni lo hanno portato nel 2005 a brevettare il panettone “Dolce Presepe”. Oggi la Fiasconaro opera con tre sedi produttive a Castelbuono (Pa) e con un export del 20% è presente in Europa, America del Nord, America Latina, Asia e Oceania. Investe più del 45% del fatturato nell’approvvigionamento di materie prime rigorosamente siciliane e dà lavoro a 32 persone.

L’ultimo meridionale a ricevere il riconoscimento è il napoletano Giuseppe Maiello (1946), fondatore e vicepresidente esecutivo di Gargiulo & Maiello Spa, attiva nel commercio all’ingrosso di prodotti per l’igiene e la bellezza. È entrato nel mondo del lavoro da giovanissimo (aveva 10 anni) ma ha proseguito comunque gli studi. Forte dell’esperienza come rappresentante di commercio, nel 1968 ha dato vita a una piccola società per la vendita all’ingrosso di prodotti per l’igiene della casa. Negli anni ’80 ha cominciato a investire in tecnologie, logistica e risorse umane e dal ’90 in poi ha ampliato l’offerta ai prodotti per l’igiene e la bellezza della persona. La sede, dall’iniziale negozio di 20 mq a Napoli, è stata poi trasferita all’Interporto di Nola su una superficie di 10.000 mq con un centro logistico di 2.000 mq. Oggi l’azienda, con tre marchi e 120 profumerie, di cui 80 per la vendita al dettaglio con il marchio “Idea Bellezza” e 40 negli store Upim, occupa 80 dipendenti.

La macroregione più rappresentata dai nuovi Cavalieri del Lavoro è il Nord, con quattordici fra imprenditori e manager di cui tre provenienti da Milano. Tra questi c’è anche l’amministratore delegato di Banco Bpm – terzo gruppo bancario italiano – Giuseppe Castagna. Segue Ravenna con due. Al Centro vanno sei riconoscimenti. In questo caso a farla da padrona è Firenze, città in cui opera – ad esempio – Ferruccio Ferragamo, presidente della Salvatore Ferragamo spa, leader mondiale nella creazione, produzione e vendita di calzature, capi di abbigliamento e accessori di lusso.

Due Cavalieri si trovano all’estero: Guido Roberto Grassi Damiani (presidente del gruppo di gioiellerie d’alta gamma Damiani, Svizzera) e Giovanni Ravazzotti (fondatore e presidente di Italtile Ltd, attiva nella produzione e commercializzazione di materiali ceramici per rivestimenti, Sudafrica).

I Cavalieri del Lavoro sono attualmente 626: dal 1901 ad oggi gli insigniti dell’onorificenza sono stati  2.922. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares