Salta al contenuto principale

Cosenza, tutti disponibili

Basilicata

2^ Divisone. Pace fatta con la sezione Aia. Galantucci: "Siamo i più forti".
Tifosi allo stadio San Vito con i pullman della Provincia

Tempo di lettura: 
3 minuti 0 secondi

Buone notizie in casa Cosenza, e ce n’è per tutti i gusti. Intanto, torna il sorriso sulla bocca di Toscano: l’infermeria si è svuotata. Grazie al lavoro
dello staff medico capeggiato da Canonaco e Zanolini e a quello dei massaggiatori
Arieta e Donato, domenica il tecnico rossoblù avrà finalmente tutti a disposizione dopo settimane di magra da questo punto di vista. Occhiuzzi è l’ultimo della lista a riaggregarsi ai compagni. Forse non avrà nelle gambe i 90 minuti, ma a questo punto Toscano, contro il Monopoli, potrà avere a disposizione più opzioni.
L’altra buona notizia arriva dall’amministrazione Provinciale. Ieri il massimo dirigente rossoblù, Damiano Paletta, ha incontrato il presidente dell’Ente provinciale Mario Oliverio. Al termine dell’incontro l’annuncio: per favorire la più ampia partecipazione al seguito della squadra, Oliverio metterà a disposizione dei tifosi della provincia un servizio di pullman che raggiungeranno
lo stadio di Cosenza in occasione delle partite casalinghe.
Le località nelle quali potranno confluire i tifosi per arrivare a Cosenza
sono Aiello Calabro, Amantea e Cantinelle di Corigliano. Le prime partenze - si
afferma in una nota - già dadomenica prossima, in vista della partita contro il Monopoli.
L’orario di partenza dai tre centri per Cosenza è fissato a mezzogiorno. All’incontro che ha ufficializzato il concretizzarsi di questa opportunità era presente anche Marcello Spadafora, responsabile della società sportiva cosentina
dei rapporti con la tifoseria. Infine, arriva anche la lieta novella della pace fatta tra il Cosenza calcio e la Sezione AIA di Cosenza. L’incontro chiarificatore si è avuto ieri. Per i rossoblù erano presenti il dg Massimiliano
Mirabelli , il segretario Giuseppe Mangiarano e il responsabile del settore giovanile, Giuseppe Mazzulla. Gli arbitri cosentini erano rappresentati dal presidente Francesco Scarcelli, dai due vice presidenti Giovanni Mondera e Annunziato Conforti e dal cassiere Gianluca Greco.
Tema dell’incontro le incomprensioni delle ultime settimane che, secondo la
sezione Aia, avevano visto limitare al lumicino, da parte della società rossoblù, gli accrediti agli associati Aia per le partite interne del Cosenza
calcio. L’incontro di ieri ha chiarito quanto dovuto, sottolineando il rispetto
reciproco dei ruoli anche alla luce delle recenti disposizioni per quel che riguarda l’acceso agli stadi.
«A fine serata - si legge nel comunicato della sezione Aia - lo scambio di gagliardetti ha sancito i buoni rapporti sempre esistiti fra la società del Cosenza e gli arbitri cosentini. Scarcelli si è ripromesso di invitare a una delle prossime riunioni tecniche i rappresentanti del Cosenza calcio, anche
per avvicinare sempre di più due realtà che apparentemente sono contrapposte,
ma che facendo parte della stessa famiglia della Figc, non possono che avere come
fine comune il bene dello sport».
GALANTUCCI
Qualche acciacco ne ha impedito l’utilizzo con una certa regolarità nelle ultime settimane. E ad Andria solo per il complesso gioco delle sostituzioni non ha timbrato il cartellino. Ma oggi Alessio Galantucci, bomber rossoblù con sei reti all’attivo, torna alla carica. «Ad Andria volevamo vincere - dice - sia chiaro a tutti. Ma a volte si può anche pareggiare. Noi abbiamo conquistato un punto importante e siamo sempre lì davanti a tutti. Sono gli altri che devono continuare a preoccuparsi di raggiungerci. Noi siamo determinatissimi oggi più
che mai. La squadra sta migliorando domenica dopo domenica e sta assumendo più autorità. Certo, qualcosa da migliorare c’è sempre, ma ribadisco che il Cosenza
è la squadra più forte perchélo dice la classifica. Il gruppo, poi, è eccezionale e sa come dare le risposte giuste».
Oggi pomeriggio la squadra si sposterà a Fuscaldo per allenarsi. Un altro viaggio
in provincia per avvicinarsi ai tifosi del Tirreno.

Alfredo Nardi

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?