Salta al contenuto principale

Potenza, Berretti incerto

Basilicata

Di Bella in difesa. Prevete in campo. Se non fosse per un principio di pubalgia di Berretti, Arleo avrebbe schierato la formazione delle ultime domeniche

Tempo di lettura: 
3 minuti 11 secondi

In discussione la presenza di Berretti a Benevento, ed il tecnico potentino Arleo, che avrebbe potuto mandare in campo la stessa formazione delle ultime domeniche, ora si affida a quei giocatori che al momento, offrono le maggiori garanzie. Il centrocampista senese ieri è stato fermo e non ha quindi partecipato al test del giovedi che il Potenza ha svolto affrontando l’Oppido, capolista del campionato di Eccellenza Lucana. Al posto di Berretti, Arleo ha schierato Prevete al fianco di Sabatino come centrocampisti centrali ed ha cambiato la posizione di Cammarota che ha giostrato un poco più avanti, in pratica nella stessa posizione del toscano.
Per il resto conferma del modulo e degli uomini che hanno affrontato e battuto il Taranto con la sola eccezione del rientro in difesa di Di Bella al poso di Patarini. Quasi sicuramente saranno loro che daranno vita ad un altro duello molto interessante con i giallorossi di Soda che non nascondono la voglia di vendicare la sconfitta di due anni fa nella finale dei play off che permise al Potenza di festeggiare proprio a Benevento la promozione in C/1.
E’ chiaro che l’interesse della squadra campana è rivolta soprattutto a migliorare con una vittoria sul Potenza la posizione di classifica attuale perchè
non si fa mistero che l’obiettivo dei sanniti è quello di puntare alla conquista del primo posto e in subordine ai play off. E con il recupero di Evacuo riteniamo che il traguardo sia sicuramente alla portata del Benevento. Dal suo canto la formazione lucana affronta qauesta trasferta on una situazione psicologica molto favorevole che deriva dal ritorno alla vittoria domenica scorsa e dal fatto, sicuramente non trascurabile, che i rossoblù non hanno niente da perdere da questo incontro. Perchè il pronostico è tutto dalla parte degli uomini di Soda. Come lo era anche due anni fa. E’ atteso con molta curiosità ed anche con un pizzico di timore il giustiziere del Benevento di due anni fa. Alfonso Roberto Delgado se lo ricordano molto bene nella città sannita.
Lo spagnolo non sta attraversando un periodo di forma brillante per cui si pensava che Arleo potesse optare anche per altre scelte. Come quella di inserire, sin dal primo minuto, proprio al posto di Delgado, il giovane Sarno che, quando è stato utilizzato, ha offerto un contributo molto postivo. Ma, anche per un fatto di cabala e nella speranza che lo stadio di Benevento possa dargli stimoli ancora una volta molto forti, Arleo sembra orientato a concedergli ancora fiducia. tra l’altro Delgado ha segnato ieri il primo gol conntro l’Oppido. Per la cronaca il test si è concluso con il successo dei potentini per 5 ad 1 con le altre reti segnate da Nolè, Cozzolino. Sarno ed Arigò. Tornando sul fronte sannita c’è da dire che il match è molto sentito dal presidente Vigorito che vuole per domenica prossima lo stadio pieno. E per invogliare i tifosi ha deciso di abbassare il prezzo della curva portandolo a 5 euro. Sul fronte tecnico da dire che ieri la squadra allenata da Soda ha affrontato gli allievi nazionali facendo il tiro al bersaglio. I quattro attaccanti di cui dispone il tecnico calabrese si sono in pratica diviso quasi in parti uguali il bottino di 13 reti. Un poker per Castaldo ed una tripletta ciascuno per Clemente, Evacuo e Bueno. Come Arleo, anche Soda non ha grossi problemi di formazione. La novità è rappresentata dal rientro di Imbriani che prenderà il posto sulla corsia destra dello squalificato Statella. In attacco conferma sicura per Castaldo e Clemente, mentre Evacuo si accomoderà in panchina pronto ad entrare se le necessità del caso lo dovessero richiedere. Ancora non potrà essere utilizzato il nuovo portiere Mondini il cui contratto è stato spedito in Lega solo ieri e quindi non si farà a tempo ad ottenere il transfert per la gara con il Potenza. In porta il giovane Corradino.

Rocco Sabatella

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?