Tempo di lettura 2 Minuti

NUOVO CAPOVOLGIMENTO in vetta alla classifica del torneo regionale cadetto. Il Pietragalla di Potenza ha sorpassato il Moliterno di Vignati in una domenica di campionato ad alto tasso spettacolare e vivamente sconsigliata ai deboli di cuore. Molto dipendeva anche dal Bar La Notte Pignola e dalla Santarcangiolese (rispettivamente quinta e quarta forza del campionato), avversarie di turno delle due big di Promozione. La corazzata pignolese di Tramutola ha fatto appieno il suo dovere, domando con forza il Moliterno, grazie a Romaniello e Ragone. Il team di Vignati ha dovuto digerire il terzo stop stagionale (tutti rimediati nel girone di ritorno). Il Bar La Notte, invece, si gode il suo momento magico di risultati: in casa viene da un pokerissimo di affermazioni consecutive. Il Pietragalla, invece, si è regalato il primato, interrompendo l’imbattibilità della Santarcangiolese. La squadra di Chiappetta è rimasta a secco dopo sette vittorie di fila. Non perdeva dall’ultima gara del 2009, del 20 dicembre, contro la Soccer Lagonegro (ko per 3-1). C’è da dire, però, che ai giallorossi mancavano tre giocatori per squalifica. La Santarcangiolese, comunque, è stata l’unica squadra del campionato ad aver battuto il Pietragalla capolista, nel confronto d’andata. Dal vertice della graduatoria, spostiamoci istantaneamente nei bassifondi, dove era in programma un delicato scontro-salvezza. L’Atletico Scanzano (con la firma di Forcillo) ha battuto il Lagopesole ed ora spera nella permanenza attraverso i play-out. I “castellani” sono reduci da sei tonfi di fila. Ritorniamo in alta quota. Il Miglionico ha travolto la Soccer Lagonegro e punta dritto alla piazza d’onore. Le quattro affermazioni consecutive fanno sognare l’undici di Motta. Il Balvano si sta avvicinando alla salvezza: vittoria all’inglese sul Grottole. Medesimo discorso per il Bella, corsaro a Montescaglioso. Di misura, il Real Irsina l’ha spuntata sul Varisius Matera. Pari in rimonta per il Rotondella contro il Pescopagano.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •