Tempo di lettura < 1 minuto

Mobilitazione nazionale degli studenti venerdì 8 ottobre contro la politica scolastica del governo. Lo annuncia Tito Russo, coordinatore dell’Uds (Unione degli studenti), ricordando che oggi è «ripartita la protesta studentesca». «A Palermo, Lecce, Bari, Roma, Firenze, Milano, Genova, Trieste e in tante altre città – afferma – gli studenti sono davanti agli istituti scolastici impegnati in volantinaggi e flash mob per sensibilizzare gli studenti e l’opinione pubblica. Vogliamo liberarci da un modello aziendale di concepire la scuola. Il ministro Gelmini ha le ore contate e il suo tramonto verrà sigillato dal dilagare delle nostre proteste». Lo slogan della manifestazione articolata sul territorio nazionale – che parafrasa Victor Hugo – è «Chi apre una scuola, chiude una prigione. Liberiamoci?».
In vista della manifestazione dell’8 ottobre, Russo sottolinea che in tutta Italia si stanno organizzando cortei nelle principali città. Queste le città in cui già in programma un corteo: Torino (Piazza Arbarello); Genova (Piazza Caricamento); Milano (partenza da Largo Cairoli); Roma (partenza da Piramide); Napoli (Piazza Garibaldi); Bari (Piazza Umberto). Cortei in preparazione anche a Asti, Cuneo, Bergamo, Pavia, Sondrio, Monza, Trieste, Gorizia, Monfalcone, Piacenza, Firenze, Siena, Pescara, l’Aquila, Ancona, Urbino, Campobasso, Salerno, Avellino, Foggia, Brindisi, Lecce, Taranto, Cagliari, Enna, Siracusa, Ragusa, Trapani, Cosenza e Reggio Calabria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •