Tempo di lettura 2 Minuti

Reggio Calabria ospiterà ben tre eventi di caratura nazionale e internazionale dal 23 ottobre al 1 novembre; nelle acque antistanti il Lungomare Falcomatà regateranno le giovani leve della vela internazionale e gli affermati velisti del panorama nazionale. Mediterranean Cup, Italia Cup Laser e Coppa dei Campioni Laser, sono le tre competizioni che porteranno in città 200 imbarcazioni e un indotto di circa mille persone. La grande novità quest’anno è rappresentata dall’assegnazione da parte della Federazione Italiana Vela di due manifestazioni Open, di rilievo nazionale come l’Italia Cup e la Coppa dei Campioni.
Presso il Circolo Velico di Reggio Calabria, presentazione della sette giorni autunnale ricca di contenuti tecnici e spettacolari. «Quest’anno, per la prima volta, alla Mediterranean Cup avremo la partecipazione dello Yachting Club del Principato di Monaco, tra i circoli velici più importanti al mondo. Agli eventi in mare, si affiancheranno tutta una serie di servizi che guarderanno alla promozione della vela e del territorio: gli studi effettuati parlano di una ricaduta positiva stimabile in 200 mila euro», sono state le parole di benvenuto del presidente Carlo Colella.
Con la federazione italiana vela, inoltre, ci sarebbero anche in cantiere alcuni progetti per creare due centri di avviamento all’interno della Sesta Zona Basilicata-Calabria. L’ampio parco imbarcazioni previsto al via, renderà necessario l’utilizzo delle strutture del Lido Comunale come area tecnica, concessa dall’amministrazione comunale, dove si insedierà il villaggio che si arricchirà di manifestazioni collaterali, tra cui l’annullo filatelico da parte di Poste Italiane; se sul piano spettacolare per i semplici curiosi sarà facile seguire le regate dal Lungomare, l’impegno organizzativo della FIV Sesta Zona, presieduta da Fabio Colella, andrà ben oltre, con un sistema gps che trasmetterà su internet in diretta lo svolgimento delle regate, per aprire e rendere accessibile la vela al grande pubblico.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •