Tempo di lettura < 1 minuto

«Le dichiarazioni di Musi, solitamente pacate, laconiche e burocratiche, questa volta tradiscono un nervosismo così evidente da spiegarsi solo col fatto di sentirsi «colto in fallo». In chiara crisi di lucidità Musi, infatti, scambia un resoconto giornalistico di «RepubblicaTV» per un attacco portatogli da una parte del PD calabrese, contro cui si scaglia come mai ha inteso fare in tutti questi mesi, quando la polemica effettivamente è stata aspra e diretta nei suoi confronti. Non sappiamo se sia vero che Musi sia in procinto di lasciare il PD per il Terzo Polo. A noi, questo, sinceramente, interessa poco e comunque ci basterebbe molto meno, e cioè ci accontenteremmo che Musi lasciasse la Calabria». Lo afferma Pino Caminiti, già presidente dell’assemblea regionale del PD Calabria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •