Tempo di lettura < 1 minuto

Si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale Giuseppe Calfa, 75 anni di Parenti, nel Savuto per alcuni fatti che si sarebbero verificati nella stessa Parenti, tra il 2005 e il 2010. Calfa per quasi 50 anni (dal 1963) è stato sagrestano della Chiesa del Carmine di Parenti. Da poco era in pensione, ma andava comunque in chiesa per aiutare il parroco, don Mario Vizza, e il suo successore, un lavoratore socialmente utile. La relativa ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip del Tribunale di Cosenza, su richiesta del pubblico ministero Antonio Bruno Tridico, della Procura bruzia. Tre le presunte vittime, tutte minorenni.
La prima denuncia è stata presentata da una quattordicenne, che sarebbe stata fermata da Calfa e palpeggiata. L’ex sagrestano avrebbe quindi fatto altrettanto con altre due coetanee, anch’esse fermate lungo le strade di Parenti con la scusa di scambiare qualche parola. In alcuni casi le minorenni sarebbero riuscite a divincolarsi, fuggendo via.
L’ex sagrestano è stato accusato anche dagli stessi genitori delle presunte vittime. Sul caso il pm Tridico indagava da qualche mese. Considerata l’età, è stato posto agli arresti domiciliari.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •