Uno scorcio di Valsinni (MT) con il suo suggestivo castello

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 4 Minuti

Domenica 9 ottobre anche a Guardia Perticara e Valsinni l’edizione 2016 dell’iniziativa del Touring Club Italia

POTENZA – Sono una nel Potentino e l’altra nel Materano le due “Bandiere arancioni” che domenica 9 ottobre 2016 parteciperanno all’iniziativa nazionale del Touring Club Italia. Si tratta di Guardia Perticara e Valsinni.

Guardia Perticara è un piccolo borgo di origine antica distrutto dai saraceni nel X secolo e posto in cima a un colle che domina la valle del Sauro, Guardia Perticara è un piccolo borgo caratteristico, con stretti vicoli e ripide scalinate, case arroccate le une alle altre e palazzi in pietra, alcuni semidistrutti per il sisma del 1857. Nella piazza principale si ergono la chiesa Madre e il seicentesco palazzo Montano. L’abitato è rinato in seguito al terremoto del 1980 ed è diventato un modello di restauro rispettoso delle preesistenze tradizionali. Piazza Europa ha ospitato alcune riprese del film Cristo si è fermato ad Eboli, di Francesco Rosi. Da non perdere: una passeggiata nel centro storico; palazzo Montano, sede di mostre ed esposizioni, la chiesa di Sant’Antonio e la Madonna del Sauro, opera lignea oggetto di grande devozione popolare, condotta ogni anno a maggio e ad agosto alla chiesa Madre, dove è visibile. La manifestazione “Salotti nel borgo”, ad agosto: cultura, degustazioni di prodotti tipici, attrazioni musicali, visite guidate e animazione tra le vie e le piazze del paese. La località è Bandiera arancione perché «con un centro storico raccolto e ben mantenuto, è immersa in un contesto paesaggistico di interesse e in posizione panoramica. Buona è l’offerta ricettiva, così come la cura e la manutenzione dell’arredo urbano». Info: 0971/964353 (Pro Loco viale Principe Umberto). «Un momento di festa collettiva e di celebrazione per oltre cento comuni-gioiello certificati dal Touring Club per le loro qualità e per un patrimonio storico, culturale e ambientale che garantisce un’offerta turistica d’eccellenza. Come ogni anno – spiegano gli organizzatori in una nota – la Giornata ha un tema specifico, che nel 2016 è dedicato ai cammini, in occasione dell’Anno Nazionale dei Cammini. Il programma del paese delle case in pietra si apre alle 11 con una visita guidata del borgo splendidamente recuperato e manutenuto; porte aperte nelle chiese e a Palazzo Montano, che contiene tracce del mondo degli Enotri rinvenute in una grande necropoli ai piedi del paese. L’incrocio tra archeologia e tecnologia si avvera attraverso una visione a 360° di un filmato in cui una Principessa Enotria invita gli spettatori all’interno del borgo. Un piccolo aperitivo a base di prodotti tipici, a cura dell’Amministrazione comunale, chiude la mattinata. Alle 16 nella sala del Consiglio comunale, amministratori locali ed esperti si confrontano in una tavola rotonda sul tema “Slow tourism e i cammini, un’opportunità per la Basilicata interna”. Alle 17.30, nella sala consiliare, “La musica può dire”: performance di racconto e musica ispirati al tema dei viaggi, con Dino De Angelis e Gianni Mercury. Nel borgo, animazione e stand gastronomici a cura della locale Pro Loco e di altre associazioni. «I cammini sono un’opportunità straordinaria per il nostro paese e per la Basilicata interna, che può richiamare amanti del trekking e viaggiatori attratti dalla storia, dalla cultura e dalla natura – commenta il sindaco di Guardia Perticara, Angelo Mastronardi –. L’auspicio è che la Giornata Bandiere arancioni, che ha anche il patrocinio del MiBact, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, segni il primo passo di un lungo percorso di sostenibilità e valorizzazione».

Valsinni, l’altra bandiera arancione lucana, è invece un borgo arroccato su un’estrema propaggine del Pollino, al confine tra Lucania e Calabria. Il paese è sovrastato dal Monte Coppolo, che alla valenza naturalistica associa quella storica conservando le mura dell’antica Lagaria, fondata secondo la leggenda, da Epeo, costruttore del Cavallo di Troia.
Il monumento più importante è rappresentato dal Castello dei Morra, ai cui piedi si snodano i vicoli del borgo medievale, collegati tra loro dai caratteristici “gafii”, passaggi coperti a volta. Molto interessante è anche la Chiesa Madre affrescata.
Ma Valsinni è soprattutto un comune da sfogliare…infatti il comune è sede del Parco Letterario “Isabella Morra”, la poetessa, figlia del feudatario del castello, considerata una delle voci più originali e autentiche della lirica femminile del ‘500. Le attività del Parco Letterario a lei intitolato utilizzano la poesia come chiave di lettura del territorio, proponendo ai visitatori viaggi nella memoria, alla scoperta delle specificità del luogo.

«La presenza del Parco Letterario è sicuramente un punto importante di valorizzazione delle risorse culturali – si legge nelle motivazioni della scelta del TCI –. Anche le caratteristiche del territorio sono rilevanti, infatti il comune è inserito nel perimetro del Parco Nazionale del Pollino, infine non mancano elementi di interesse enogastronomico…insomma ci sono tutti gli ingredienti per una ottima Bandiera arancione nel Parco Letterario Isabella Morra» di piazza Carmine n. 20 (info: 0835 817051).

L’INIZIATIVA Domenica 9 ottobre torna dunque la Giornata Bandiere arancioni: in 100 borghi accoglienti in tutta Italia sarà grande festa: visite guidate gratuite per tutti, spettacoli, degustazioni, eventi di vario genere animeranno i paesi certificati dal Touring per le loro qualità turistico-ambientali. Dalle Alpi fino alla Sicilia, c’è solo l’imbarazzo della scelta. E quest’anno, tutti in cammino con la possibilità di comporre una narrazione collettiva (hashtag #camminiarancioni), raccogliendo decine di percorsi inediti che da Nord a Sud della Penisola fanno da raccordo tra i borghi arancioni. Sono sentieri legati a temi naturalistici, storici, artistici e culturali, enogastronomici e religiosi.  

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA