Il tribunale di Catanzaro

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – È stato condannato a cinque anni e quattro mesi di carcere Angelo Viscomi, di 28 anni, di Belcastro, accusato di omicidio preterintenzionale per la morte del ferroviere 56enne Salvatore Gidari. Lo ha deciso il gup di Catanzaro Carmela Tedesco al termine del processo con rito abbreviato.

I fatti sono avvenuti il 21 luglio scorso a Botricello (LEGGI LA NOTIZIA). Viscomi e Gidari ebbero una lite per una mancata precedenza stradale. Viscomi, secondo l’accusa, avrebbe colpito violentemente Gidari facendolo poi cadere a terra. Nella caduta Gidari ha battuto violentemente la testa.

Dopo tre settimane di coma il ferroviere è morto nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Pugliese di Catanzaro (LEGGI). Viscomi, difeso dagli avvocati Piero Funaro e Gregorio Viscomi, subito dopo il decesso del 56enne è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari.

Il giudice ha stabilito il risarcimento del danno da quantificarsi in sede civile per i familiari della vittima, rappresentati dall’avvocato Aldo Casalinuovo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA