X

Tempo di lettura < 1 minuto

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Non ce l’ha fatta il paziente di Gizzeria, risultato positivo al coronavirus il 17 marzo scorso da quanto è stato ricoverato al Pugliese in terapia intensiva. L’uomo, F.P. 60 anni, docente in un istituto superiore di Lamezia, è morto questo pomeriggio.

Il 17 marzo scorso, avvertiti dei sintomi, si era dapprima recato nella postazione pre-triage allestita all’esterno dell’ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme e successivamente è stato trasferito al Pugliese – Ciaccio di Catanzaro risultando positivo al tampone effettuato dai sanitari del nosocomio del capoluogo di Regione. In un secondo tempo anche il tampone eseguito sulla moglie aveva dato esito positivo, ma in quest’ultimo caso la paziente era asintomatica per cui è rimasta in isolamento domiciliare.

E’ il secondo decesso di coronavirus che si registra nel lametino dopo il medico in pensione, P.C. 80 anni, di Lamezia morto domenica scorsa all’ospedale di Crotone.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares