•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 2 Minuti

I carabinieri di Castrolibero hanno arrestato un giovane con l’accusa di truffa e resistenza a pubblico ufficiale. La sua ultima vittima stava prelevando denaro a uno sportello bancomat

CASTROLIBERO (COSENZA) – I Carabinieri della Stazione di Castrolibero, dipendente dal Comando Compagnia di Cosenza, questa mattina  hanno tratto in arresto F.N., classe ’89, siciliano, in quanto colto nella flagranza di reato di truffa e resistenza a pubblico ufficiale.

A bordo di una Golf bianca l’uomo attuava la cosiddetta “truffa dello specchietto” ovvero si avvicinava ai veicoli lungo la strada simulando un urto dello specchietto retrovisore e relativa rottura per poi chiedere sul posto del denaro contante al fine di evitare ulteriori conseguenze.

I militari hanno notato l’autovettura parcheggiata vicino ad un bancomat della Banca Monte Paschi di Siena a Castrolibero con due uomini di cui uno intento a prelevare. Alla vista dei carabinieri, uno dei due saliva a bordo dell’auto per tentare di speronare la pattuglia e quindi tentare di fuggire, ma veniva arrestato al termine di un breve inseguimento. Immediati accertamenti consentivano di accertare che l’altro uomo presente al bancomat non era altro che l’ennesima vittima della truffa che stava prelevando del denaro al fine di pagare l’arrestato per il presunto danno allo specchietto.

Inoltre, il veicolo, che presentava le targhe con numero alterato, veniva posto sotto sequestro.

L’uomo veniva quindi trattenuto nella camera di sicurezza a diposizione dell’Autorità Giudiziaria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA