X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

CORIGLIANO ROSSANO (COSENZA) – Il titolare di un frantoio oleario del Comune di Corigliano-Rossano, in area urbana di Rossano, è stato deferito all’autorità giudiziaria dai Carabinieri Forestale della locale Stazione con l’accusa di violazione alla normativa ambientale. Durante un controllo del frantoio, in particolare, i militari hanno accertato che lo scarico delle acque reflue industriali e sostanze solide della stessa natura, prodotte dal processo di lavorazione dell’impianto, erano convogliate attraverso un bypass per essere scaricate abusivamente nel vicino torrente Colognati.

Inoltre, si è appurato che, senza alcuna autorizzazione e attività di gestione, un ingente quantitativo di acque di vegetazione, di lavaggio e sansa solida e liquida, al di fuori della pratica agronomica prevista, venivano trasportate e scaricate all’interno di un invaso appositamente realizzato su suolo nudo nel Comune di Paludi.

Si è pertanto deferito il proprietario del frantoio per trasporto, stoccaggio e smaltimento illecito di rifiuti e poste sotto sequestro le condotte in pvc realizzate, un pozzetto, lo scarico finale, il terreno in cui insistono i riversamenti dei rifiuti solidi e liquidi e l’invaso realizzato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares