X
<
>

Il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – L’hanno denominata operazione “Amici in comune”. E in forza delle risultanza investigative di questa inchiesta la Guardia di Finanza della tenenza di Scalea ha fatto il suo ingresso questa mattina, prima dell’apertura degli uffici, al comune di Praia a Mare.

Uno dei destinatari delle misure cautelari è proprio il sindaco, ultraottantenne, Antonio Praticò, che è stato posto ai domiciliari.

SCOPRI CHI È ANTONIO PRATICÓ: LEGGI IL SUO PROFILO

Un altro è Pasquale Lamboglia, ex sindaco di Tortora, anch’egli sottoposto ad una misura interdittiva (divieto a contrarre con la Pa per 12 mesi) ma coinvolto come come tecnico e non come amministratore

SCOPRI CHI È PASQUALE LAMBOGLIA: LEGGI IL SUO PROFILO

Le misure cautelari, in tutto undici, sono state disposte dal gip del tribunale di Paola, Rosamaria Mesiti, nell’ambito delle indagini dirette dal procuratore Pierpaolo Bruni.

SCOPRI L’ELENCO COMPLETO DELLE PERSONE RAGGIUNTE DA UNA MISURA CAUTELARE

L’attività investigativa, denominata operazione “Amici in Comune”, condotta dalle fiamme gialle ha permesso di accertare, spiegano gli investigatori, diverse condotte – poste in essere da pubblici ufficiali, in concorso con diversi imprenditori e professionisti – collusive e turbative d’asta anche con riferimento a gare riguardanti l’adeguamento sismico di edifici scolastici.

Sono state eseguite perquisizioni sia in varie zone della Calabria sia in Campania.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares