Una foto a bordo di un treno verso il Sud scattata il 9 marzo scorso

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Sono state tutte identificate le quindici persone giunte alla stazione di Paola con un Frecciabianca proveniente da Roma. La maggior parte non aveva alcuna motivazione valida per rientrare.

Solo alcuni avevano l’autocertificazione compilata per comprovati motivi di lavoro. La maggior parte di questi passeggeri, nelle prossime ore, sarà denunciata per mancato rispetto del Dpcm anti-coronavirus.

Tutti sono stati messi al corrente dell’ordinanza emessa dal presidente della Regione Calabria Jole Santelli che prevede, «con decorrenza immediata e fino al 3 aprile 2020, il divieto di ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio regionale».

«Ai trasgressori – si legge nell’ordinanza – alla luce della potenziale esposizione al contagio, si applica la misura immediata della quarantena obbligatoria per 14 giorni».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA