X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Ci sono guerrieri nascosti, che non urlano ma hanno una forza “silenziosa” ed un carattere che poi si sprigiona nella voglia di riscatto da situazioni difficili. È proprio questa la storia del nuovo brano di Antonio Algieri, in arte Algieri, cantante, musicista, compositore e autore di origini calabresi.

Si intitola “Come un guerriero”, pubblicato per l’etichetta Roka Music, e rappresenta per l’artista un progetto tenuto nel cassetto per tanti anni e adesso finalmente venuto fuori. Un racconto di sé molto intimo che spiega le difficoltà vissute da un adolescente di periferia in un contesto sociale difficile.

E lo fa con voce decisa e cristallina allo stesso tempo, trascinando l’ascoltatore in questo brano, in questa storia, che rimanda assolutamente ad uno stato d’animo, quello di Antonio, più consapevole e che non ammette più paure.

Il brano “Come un guerriero” è frutto di un lavoro che ha portato il cantautore verso nuove sonorità Urban-Pop, da un paio d’anni a questa parte. Fin dagli inizi della sua carriera, circa dieci anni fa, Algieri è l’artefice delle sue canzoni, che compone e scrive di suo pugno. Questo suo brano è però al tempo stesso un lavoro di squadra.

Il testo infatti, porta la firma di Eugenia Martino. L’arrangiamento invece, vede anche la partecipazione del produttore e direttore artistico Roberto Cannizzaro e di Salvatore Longobucco, i quali hanno curato anche mix e mastering presso la Roka Produzioni, etichetta discografica indipendente di Cosenza.

Da oggi 29 Aprile è anche online il videoclip ufficiale del brano “Come un guerriero”. Si tratta di un video “cortometraggio” prodotto da Roka Produzioni, che vede per lo storytelling e la regia il nome di Pier Luigi Sposato. Con un testo del brano che tratta delle difficoltà e degli abusi vissuti da un adolescente di periferia in un contesto sociale difficile, il videoclip tende a raccontare la stessa intimità della canzone, attraverso le immagini.

Protagonista del video (GUARDA A LATO PER ASCOLTARE L’ANTEPRIMA oppure CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LA PAGINA DEDICATA) è l’artista stesso, contrapposto all’attore Matteo D’Attimo, quasi come un riflesso di un altro sé, che vuole esprimere la sua ribellione e desidera fortemente spezzare le catene che lo legano alle paure combattendo “Come un guerriero”.

Nel finale la ballerina e performer Laura Alberto interpreta invece una sorta di spirito selvaggio, il cui fuoco vicino è l’elemento di forza naturale che accompagna la danza ribelle, quasi tribale, un richiamo al significato di liberazione da costrizioni, soprusi, paure.

La direzione della fotografia del videoclip porta la firma di Gonzaga. La produzione esecutiva è stata invece affidata alla Clément Film House, con la collaborazione di Massimo De Masi (operatore di macchina), Roberto Cannizzaro come direttore di produzione, Katia Cannizzaro per l’organizzatore generale e Salvatore Longobucco come responsabile tecnico.

Il lavoro di Artworks e Trailers é stato invece curato da Angelo Riforma, mentre il reparto Make-Up – Moving – Stylist è stato affidato a Filippo Stabile.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares