X
<
>

Da sinistra: Lorenzo La Canna, il maestro Mangiarano e Paolo Miceli

Condividi:
2 minuti per la lettura

COSENZA – Cresce sempre di più l’atleta cosentino Paolo Miceli che nella gara di Coppa dei Campioni GAM (Ginnastica Artistica Maschile), disputatasi a Fermo (Marche), ha conquistato un onorevolissimo quinto posto. A questa competizione hanno partecipato i migliori atleti italiani e i campioni europei e mondiali della disciplina.

In questo contesto di prim’ordine, l’atleta Paolo Miceli della Kodokan 1973, è riuscito a ritagliarsi un posto nella top five, superando anche alcuni campioni con molta esperienza nazionale ed internazionale. È stato un quinto posto meritato, anzi, il giovane atleta della Kodokan ha “rischiato” di salire sul podio.

Infatti, nella disciplina anelli, dopo una prestazione eccellente, ha commesso un errore nel salto finale della sua performance. I giudici di gara, sono rimasti favorevolmente impressionati da Miceli, tanto da fermare le altre performance per concentrarsi esclusivamente su quella dell’atleta cosentino.

A fine competizione, il tecnico della Kodokan 1973, è stato avvicinato dai tecnici presenti all’evento (tra gli altri c’era anche Gigi Rocchini, allenatore mondiale per la disciplina), che si sono congratulati per la bellissima prova di Paolo Miceli, sottolineando il fatto che da tempo non si vedeva un atleta del Sud, e dalla Calabria in particolare, tenere testa a campioni ormai affermati di Ginnastica Artistica.

«Questo per noi – afferma Sandro Mangiarano – è motivo d’orgoglio. Non bisogna dimenticare che in vincitore della competizione è stato un già Campione d’Europa. Questo rende il quinto posto un risultato difficile da centrare, ma che con voglia, determinazione e tenacia siamo riusciti a portare a casa».

Il tecnico spiega la crescita e la prova del suo atleta. «Ad ogni gara vedo Paolo migliorare notevolmente. Nel Volteggio, si è scelto di fare un salto ad elevato coefficiente di difficoltà per provare a centrare il podio. Dispiace non esserci riusciti per un nulla. Ma va bene così. È stata una gara in più disputata che gli farà acquisire maggiore esperienza e, soprattutto, maggiore sicurezza nei propri mezzi. La speranza – ha concluso il tecnico Sandro Mangiarano – è quella di vederlo a breve centrare risultati importanti anche perché è un ragazzo che merita per i sacrifici che sta facendo insieme al tecnico Olexander Barsukov, anche lui felice per la prestazione qui a Fermo».

Presente anche un altro atleta della Kodokan 1973 nella gara di Coppa Campioni. Lorenzo La Canna non è riuscito a qualificarsi per via del poco allenamento effettuato prima della competizione a causa di un infortunio che ne ha limitato le potenzialità. L’atleta ha comunque voluto partecipare per acquisire maggiore esperienza e per tornare al più presto al top della condizione per dimostrare tutte le sue qualità.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE