Tempo di lettura 3 Minuti

CATANZARO – Dopo l’allerta Rossa diramata dalla Protezione civile nelle scorse ore (LEGGI LA NOTIZIA) la situazione continua ad essere di preallarme in varie aree della Regione.

In particolare, la costa ionica della Calabria, dove per tutto il giorno è prevista l’allerta rossa della Protezione civile regionale, è stata investita all’alba da violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento che hanno provocato allagamenti di strade e scantinati, cadute di alberi, cartelloni pubblicitari divelti e tegole rotte.

DANNI IN AGRICOLTURA: SERRE DISTRUTTE NEL COSENTINO

Al momento, comunque, ai vigili del fuoco non risultano né danni a persone né situazioni di particolari criticità. Numerosi sono comunque gli interventi. Tra questi, a Catanzaro un ramo è caduto vicino ad una macchina ma senza fare danni. Nella frazione marina, il lungomare è allagato, così come lo sono le strade in diverse località della costa. A Roccelletta di Borgia un’auto della polizia municipale è rimasta impantanata mentre gli agenti stavano effettuando verifiche ed è stata rimossa dai vigili del fuoco. Violente raffiche di vento hanno colpito la zona di Simeri e di Zagarise.

Uno degli interventi dei vigili del fuoco
Uno degli interventi dei vigili del fuoco

Allagato il sottopasso della Strada Provinciale per il comune di San Floro in prossimità della Cittadella Regionale. Sul posto presente una squadra dei Vigili del fuoco per le operazioni di prosciugamento.

Colpito anche il reggino, tra Bianco e Siderno, ed il crotonese.

Nella stazione pluviometrica di Mesoraca-Fratta, ricadente nel bacino idrografico del fiume Tacina, la precipitazione cumulata in 12 ore ha superato il valore di 170 mm, valori intorno a 140 mm sono stati registrati a Cropani ed a Petronà.

Anche sul versante Ionico Reggino sono stati registrati valori rilevanti, più di 100 mm in 12 ore, ad Antonimina, Canolo Nuovo, a Platì ed a San Luca. Valori più bassi, ma comunque significativi sono stati registrati anche nell’alto Ionio Cosentino, ad esempio ad Albidona, dove sono stati misurati quasi 90 mm in 9 ore.

A causa del maltempo è stato sospeso il collegamento dei mezzi veloci nello Stretto di Messina. Inoltre, sempre nel reggino, è stata ripristinata stamani la circolazione ferroviaria sulla tratta Monasterace-Roccella, sospesa per la presenza di detriti sui binari.

La situazione del maltempo viene monitorata dalla Prefettura di Reggio Calabria, in contatto con i Coc attivati su tutto il territorio provinciale.

Al termine di una ricognizione degli interventi eseguiti nel corso della notte, è emerso che gli interventi delle forze dell’ordine, di Anas e vigili del fuoco sono stati principalmente legati a caduta di alberi e detriti sulle carreggiate e allagamenti di piani seminterrati di abitazioni.

A Stilo, a causa delle forti piogge, è crollato un rudere fatiscente già interessato da precedenti cedimenti, mentre a Riace è stato richiesto l’intervento per un palo pericolante di Telecom.

Il Centro Funzionale Multirischi dell’Arpacal, comunque, seguirà l’evolversi della situazione in contatto con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, le Prefetture – U.T.G. e la Protezione Civile Regionale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •