•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 2 Minuti

E’ stato il presidente Vrenna ad annunciare l’accordo con il neo mister dei calabresi

CROTONE – Davide Nicola è il nuovo allenatore del Crotone. Lo ha annunciato il presidente del club calabrese, Raffaele Vrenna, all’Adnkronos: «Abbiamo raggiunto l’accordo con Nicola. E’ stata una scelta ponderata anche perché fa lo stesso tipo di gioco di Ivan Juric. E’ la scelta migliore per puntare alla salvezza».

Nicola ha firmato fino al giugno 2017 con l’opzione per le due stagioni successive. Negli ultimi giorni il Crotone aveva incassato diversi rifiuti e questo aveva fatto scattare un minimo di preoccupazione tra i tifosi, già allarmati per i lavori dello stadio che rischiano di fare giocare il Crotone a Pescara (LEGGI).

Molte anche le difficoltà sul piano dei calciatori, dal momento che il calciomercato ha già segnato il passaggio di Budimir alla Sampdoria (LEGGI), mentre sono a rischio anche altre pedine importanti della storica promozione in serie A.

Nicola ha una lunga carriera da difensore alle spalle (Andria, Ancona, soprattutto Genoa, Pescara, Ternana, Torino, Spezia, Ravenna e Siena, unica seppur breve esperienza in A) e muove i primi passi da allenatore nel 2010 al Lumezzane, dove aveva appeso le scarpette al chiodo, in Prima Divisione.

Il tecnico originario di Luserna San Giovanni, classe ’73, arriva a un passo dai playoff per la B, chiudendo il campionato al sesto posto. L’anno successivo il Lumezzane chiude ottavo, quindi arriva la rescissione del contratto. Nel luglio del 2012 Nicola ottiene a Coverciano con il massimo dei voti il titolo di allenatore di Prima categoria Uefa Pro: un mese prima era arrivata la chiamata del presidente Spinelli, che lo ha voluto sulla panchina del suo Livorno. Scelta azzeccatissima, Nicola – dopo aver concluso il campionato in terza posizione alle spalle di Sassuolo e Verona – riporta il Livorno in A grazie anche a un gioco convincente e spettacolare battendo il Brescia e l’Empoli nei playoff.

La sua prima avventura nel massimo campionato, sempre alla guida del Livorno, non si chiude felicemente. Il 13 gennaio 2014 viene esonerato dall’incarico con la squadra al penultimo posto in classifica, per poi essere richiamato in panchina il 19 aprile dello stesso anno, senza riuscire a salvare gli amaranto dalla retrocessione. Dimessosi, riparte nel novembre 2014 dal Bari in serie B dove, dopo aver chiuso il campionato al decimo posto, viene esonerato nel dicembre 2015. Ora la chance nel massimo campionato alla guida del Crotone.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA