Marcello Trotta

Tempo di lettura 3 Minuti

CROTONE – Primo punto stagionale per il Crotone in serie A. I calabresi hanno pareggiato 1-1 con il Palermo nella gara casalinga, giocata a Pescara. 

Sul neutro dell’Adriatico di Pescara, finisce in parità la sfida salvezza che registra anche l’esordio di De Zerbi sulla panchina rosanero. Privo dello squalificato Dussenne e degli indisponibili Mesbah, Fazzi e Rosi, Nicola preferisce Trotta a Tonev nel tridente offensivo composto anche da Falcinelli e Palladini. Senza Morganella, Quaison, Trajkovski e Giuliano, De Zerbi si affida alle giocate di Diamanti, capitano con licenza di inventare per Nesterovski e Sellai.

Partita subito equilibrata e tattica, con i due tecnici che scambiano il verde del prato con una scacchiera. Il ritmo però è buono e lo spettacolo godibile e all’11′ Cordaz blocca un sinistro centrale di Diamanti, nei cui piedi passa tutto il gioco rosanero. Al 15′ sinistro al volo di Nesterovski che non trova lo specchio, al 17′ arriva la prima, vera occasione del match, di marca calabrese: incursione di Ferrari in area, Posavec e Aleesami si salvano e Martella, in ribattuta, mette fuori.

Al 23′, Crotone in vantaggio: intuizione di Palladino per Falcinelli, Posavec si supera ma Trotta, tutto solo, infila il suo primo gol con la maglia della neopromossa. Nella circostanza si infortuna Rajkovic: il match si ferma e il serbo, sanguinante al naso, è costretto ad uscire con una probabile frattura (al suo posto Goldaniga). Al 30′ i siciliani provano a reagire con Hiljemark, il Palermo alza il baricentro ma non riesce a trovare spazi nella retroguardia calabrese. Nella ripresa, tra gli isolani c’è subito Embalo per lo spento Sallai ma è sempre Diamanti, al 7′, a rendersi minaccioso: Rispoli lo invita a concludere di destro ma l’ex bologna mette sopra la traversa. Il Crotone non solo non abbassa la guardia ma replica: al 16′ Palladino crossa morbido al centro e Gonzalez salva su Trotta, al 17′ Claiton, sempre su assist di Palladino, inzucca a lato. De Zerbi cambia anche modulo e sperimenta la difesa a tre con Gazzi centrale, il Palermo accelera e Nestorovski si desta. Al 20′ stacca debole tra le braccia di Cordaz ma, un minuto dopo, il macedone rompe il ghiaccio con la maglia rosanero siglando il pareggio al termine di una ripartenza su passaggio di Rohden. Nesterovski è ancora pericoloso al 29′, Hiljemark al 31′ sfiora il vantaggio con una girata di destro che chiama Cordaz al super intervento.

Al 40′, una chance a testa in pochi secondi: Nestorovski sporca ancora i guanti di Cordaz, Trotta spara in curva dopo una ‘ciccatà in area di Falcinelli. Al 42’ Stoian non trova la porta di destro, nel finale le squadre sono un pò in debito di ossigeno e finiscono per accontentarsi.

Positivo il commento di mister Nicola a fine partita: “Abbiamo dimostrato che questa squadra sta migliorando di step in step. Oggi abbiamo conquistato il nostro primo primo punto, meritavamo anche la vittoria”.

“Se ci manca il nostro stadio? Giocare in casa significa avere i propri tifosi a stretto contatto, per darci una mano a livello emotivo – spiega il mister della neopromossa – Ma per ora il nostro stadio è quello di Pescara: oggi non c’era bolgia, dispiace, ma per i tifosi non è facile venire qui e per salvarci i punti devono arrivare in casa e in trasferta”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •