Andrea Martella

Tempo di lettura 2 Minuti

«Si deve approvare rapidamente la direttiva europea che recepisce il copyright e quindi arrivare ad un preciso equilibrio tra pluralismo, libertà dell’informazione, diritto degli autori, realtà dei fatti, remunerazione dei contenuti editoriali». Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Informazione ed all’Editoria, Andrea Martella, parlando con i giornalisti a Rende a margine di un incontro sulle fake news.

«È un equilibrio difficile – ha proseguito Martella – che può essere composto e al quale va accompagnata un’educazione di una coscienza digitale, a partire dalle scuole, che possa appunto consentire di discernere in un’informazione sempre più complessa, in cui il web è spesso la prima sorgente, e che possa determinare il poter avere un’analisi degli algoritmi che molto spesso determinano il flusso dell’informazione».

Il sottosegretario Martella ha poi partecipato a Vibo Valentia a un incontro insieme al candidato alla presidenza della regione sostenuto dal Pd Pippo Callipo. «Quella di Callipo è un’ottima candidatura – ha detto – che è stata offerta a tutte le forze democratiche e progressiste per aprire una nuova stagione di governo in Calabria e lui rappresenta una grande opportunità attorno alla quale raccogliere le forze della società civile e garantire di poter vincere le prossime elezioni regionali».

«La forza di Callipo – ha aggiunto – è quella di essere una candidatura della società civile, una personalità forte che viene dal mondo dell’impresa, con una storia di successo economico personale che oggi è a disposizione di questa terra consentendole di diventare più forte. Il Partito democratico ritiene che questa sia la candidatura migliore e chiede a tutte le forze all’interno del Pd di appoggiarla».

«Noi – ha sostenuto poi Martella – abbiamo chiesto anche a Mario Oliverio, per il quale abbiamo il massimo rispetto e sul quale non diamo alcun giudizio negativo, di concorrere alla vittoria di Callipo e di fare in modo che anche attraverso la sua battaglia di questi anni si possa affermare una nuova stagione di governo».

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •