•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 2 Minuti

Le condizioni dei feriti non sarebbero gravi

SANT’EUFEMIA D’ASPROMONTE (REGGIO CALABRIA) – Due fratelli, di 37 e 31 anni, dei quali non sono state rese note le generalità, sono state ferite a colpi di pistola a Sant’Eufemia d’Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria.

La sparatoria è avvenuta al termine di una lite poi degenerata.

Contro i due, Pasquale e Giuseppe Panuccio, secondo quanto è emerso dai primi accertamenti avviati dai carabinieri, sono stati sparati tre colpi con un’arma calibro 7,65. Soccorsi dagli operatori del 118 i feriti, le cui condizioni non sarebbero comunque gravi, sono stati portati negli ospedali riuniti di Reggio Calabria.

A sparare, per motivi legati a contrasti di natura privata, un uomo che dopo avere fatto fuoco si è allontanato ed è ricercato dai carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro.

Da quanto è stato possibile apprendere, i due fratelli si erano incontrati con il loro feritore per discutere di alcune questioni. L’interlocutore dei due fratelli, ad un certo punto, ha estratto la pistola e ha fatto fuoco. Uno dei due fratelli è stato raggiunto da un colpo al torace e l’altro ad una gamba. Entrambi i feriti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico. Secondo i sanitari, i due fratelli non sono in pericolo di vita anche se per le ferite riportate da uno dei due al torace i medici degli Ospedali riuniti di Reggio Calabria si sono riservati la prognosi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA