La stabile in via di demolizione

Tempo di lettura 2 Minuti

REGGIO CALABRIA – Si è svolta questa mattina la demolizione di uno degli storici ecomostri costruiti sul lungomare di Gallico a Reggio Calabria.

Si tratta, secondo quanto ricorda il Comune di Reggio Calabria, di «un intervento era molto atteso dai residenti nella zona nord della città, che da anni ormai chiedono che le aree occupate dagli edifici abusivi siano liberate e riconsegnate alle attività balneari».

All’avvio delle operazioni di demolizione della struttura era presente il sindaco, Giuseppe Falcomatà, che, accompagnato dai tecnici comunali, dai consiglieri delegati Francesco Gangemi, Giuseppe Sera e Paolo Brunetti, si è soffermato con i cittadini incuriositi dall’intervento di demolizione.

«Quella di oggi – ha commentato il sindaco Falcomatà – è un’operazione che punta al ripristino della legalità e del decoro urbano in una delle aree più belle del litorale nord della città, storicamente molto frequentato dai reggini, ma anche dai turisti, soprattutto durante il periodo estivo. Naturalmente non ci fermiamo qui – ha aggiunto il primo cittadino – la demolizione del manufatto abusivo è solo una delle attività propedeutiche all’avvio dei lavori per la realizzazione del nuovo lungomare di Gallico. Un’opera strategica per la quale l’amministrazione comunale ha lavorato in questi anni con l’obiettivo di recuperare le somme che rischiavano di andare perse e rilanciare l’iter progettuale. Nelle prossime settimane – ha concluso il sindaco – presenteremo il progetto definitivo ai cittadini, alle associazioni, agli operatori commerciali e all’intera comunità gallicese, con l’obiettivo di recepire eventuali suggerimenti e proposte prima dell’avvio della fase di gara». 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •