Tempo di lettura 2 Minuti

Una sola giornata non basta per i giudizi, però il turno inaugurale del campionato di Serie D ha detto che le favorite per la promozione sono tre e arrivano tutte dalla Campania

Una sola giornata non basta, ovviamente, per tracciare giudizi definitivi, però il turno inaugurale del campionato di Serie D ha subito detto che le favorite per la promozione sono in tre e arrivano tutte e tre dalla Campania. Cavese, Frattese e Turris, oltre a vincere i rispettivi incontri, hanno confermato di avere una rosa di tutto rispetto per tentare la scalata al professionismo.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA CHE FA
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D 2016/2017

Mario Dal Torrione

E la Calabria? Anche se sconfitta (proprio in casa della Cavese), la Palmese ha costruito una squadra in grado di navigare nelle posizioni di vertice, con calciatori che vanno per la maggiore. Mario Dal Torrione (nella foto) si ritrova una squadra nuova per nove undicesimi. Ci vuole tempo, ma la sconfitta di Cava non pregiudica il cammino dei neroverdi. Al club reggino possiamo sicuramente aggiungere il Rende di mister Brunello Trocini che ha voglia di riscattare un torneo, quello passato, pieno di eventi sfortunati, per ritornare quella formazione che, nella stagione 2014/15, aveva incantato tutti chiudendo alle spalle della corazzata Akragas.

Il Calcio di Inizio tra Sersale e Gladiator alla prima giornata

C’è poi il Castrovillari che deve pensare innanzitutto a salvarsi, ma che ha i mezzi giusti per stare lontano dalla zone pericolose, mentre per Roccella e Sersale (foto), ko all’esordio in casa, la salvezza allo stato è l’unico obiettivo possibile.

Domenica avremo comunque altre risposte e oltre al derby Palmese-Roccella c’è il confronto fra il Rende e la Frattese che stuzzica molto. Infine un messaggio ai naviganti: attenzione alla Sicula Leonzio che ad un organico di un certo spessore ha aggiunto proprio ieri due calciatori del calibro di Orefice e Savanarola, che lo scorso torneo lo hanno vinto con il Siracusa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •