L'auto bruciata di Francesco Olivieri

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – I carabinieri della Compagnia di Tropea e della Stazione di Spilinga hanno rinvenuto, nel corso del pomeriggio odierno, la Fiat Panda bianca, nuovo modello utilizzata da Francesco Olivieri per commettere gli omicidi di Michele Valerioti e Giuseppina Mollese a Nicotera e il ferimento di altre tre persone in un bar di Limbadi  (LEGGI LA NOTIZIA).

La vettura, completamente bruciata, è stata rinvenuta in località “Colarizzi”, una zona di aperta campagna sita nel comune di Spilinga, lato Poro, a una quindicina di chilometri di distanza da Nicotera. In base a quanto è stato possibile apprendere, il fucile utilizzato dal killer ancora in fuga non sarebbe stato rinvenuto.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULLA STRAGE DI NICOTERA E LIMBADI

A questo punto gli inquirenti, coordinati dal maggiore Dario Solito, ipotizzano che il 32enne possa aver ricevuto aiuto da qualche complice o che, altra possibilità da non scartare, seppur meno probabile, sia ancora in fuga a piedi, nascondendosi magari in qualche casolare della zona. Per questo le ricerche dell’uomo non sono mai state interrotte (LEGGI LE NOTIZIE SULLE RICERCHE).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •