Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Il gup di Vibo, Tiziana Macrì, ha condannato alla pena di 30 anni di reclusione Ezio Perfidio per l’omicidio e la distruzione del cadavere di Stefano Piperno, il mediatore culturale di Nicotera il cui corpo fu rinvenuto completamente carbonizzato all’interno della propria Fiat Panda il 19 giugno del 2018, e i cui familiari si sono costituiti parte civile. Lo stesso magistrato ha contestualmente condannato il padre dell’imputato, Francesco, alla pena di sei anni di reclusione.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIA SULL’OMICIDIO DI STEFANO PIPERNO

Ha quindi retto in pieno il castello accusatorio realizzato dal pm Filomena Aliberti sulla scorta delle indagini dei carabinieri di Tropea e Nicotera. Mentre Ezio Perfidio rispondeva di omicidio occultamento e distruzione di cadavere, il padre invece di distruzione di cadavere e di alcune cessioni di sostanza stupefacente aggravate dall’art 80, che rappresenterebbero il movente alla base del delitto. Piperno fu sparato e il suo corpo bruciato all’interno della sua vettura, abbandonata nelle campagne di Preitoni di Nicotera.

Il pubblico ministero aveva invocato la pena dell’ergastolo per Ezio Perfidio e la reclusione ad otto anni per Francesco, richieste alla quale si erano associate le parti civili. La difesa, nella persona dell’avvocato Sabatino, aveva contestato gli elementi a carico dei propri assistiti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •