Le armi sequestrate a Gianluca Bagnato

Tempo di lettura < 1 minuto

PARGHELIA (VIBO VALENTIA) – Prima lo ha aggredito e colpito alla testa con una bottiglia e poi gli ha sferrato un calcio, quando era a terra, facendogli perdere brevemente i sensi.

Gianluca Bagnato, genovese, di 44 anni, con precedenti, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio nei confronti di un quarantasettenne con precedenti.

Il fatto è avvenuto a Parghelia al termine della festa in onore della Madonna di Portosalvo.

L’aggressore, dopo avere colpito la sua vittima probabilmente per una lite di cui non si conoscono i motivi, ha anche minacciato i presenti con un coltello a mezzaluna per poi dileguarsi. Un carabiniere libero dal servizio, presente in zona, lo ha inseguito e, contemporaneamente, ha avvertito i colleghi della Compagnia di Tropea che, messisi sulle sue tracce, hanno rintracciato e bloccato Bagnato trovato in stato di ebbrezza alcolica.

Durante una perquisizione personale e domiciliare è stata trovata e sequestrata l’arma utilizzata per minacciare e un altro coltello.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA