Salvini al taglio del nastro della sede leghista di Vibo Valentia

Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – «Non sento una Calabria piagnona che chiede favori o redditi in cambio di nulla. Ci sono tanti ragazzi che chiedono di avere una chance. C’è una sanità devastata da anni di malgoverno di sinistra». Ha esordito così Matteo Salvini, segretario della Lega giunto a Vibo Valentia per inaugurare la sede su corso Vittorio Emanuele III, dopo l’incontro in mattinata a Catanzaro (LEGGI LA NOTIZIA).

Non sono mancate le contestazioni, ma sono in molti ad aver approfittato della sua presenza per il selfie di rito col “Capitano”. Ritorniamo, però, alle sue dichiarazioni, come sempre senza freni. «Chiunque sia il candidato o la candidata, siamo convinti che dal 27 gennaio ci sarà il centrodestra a guidare questa regione, con la Lega protagonista. Chiunque cerchi il nuovo, voglia il nuovo, ha la possibilità di scegliere il buongoverno della Lega», ha detto.

Ma ne ha anche per i suoi ex sodali, con i quali era al governo fino a pochi mesi fa. «Se c’è qualcuno che ha svenduto la sua coerenza sono Grillo e Di Maio: da mai col Pd a viva il Pd, da mai il Mes a viva il Mes. Se c’è qualcuno che per salvare una poltrona ha tradito un ideale, sono i signori Di Maio e Grillo – ha ribadito – Ci sono eletti ed elettori del Movimento 5 Stelle anche in Calabria, e ce ne saranno tanti nei prossimi giorni, che decideranno con coerenza di continuare a dire no all’Europa delle banche, no al Pd partito dei poteri forti. In Calabria, come nel resto d’Italia, le porte della Lega sono gratuitamente e liberamente aperte. Capisco la disperazione di un partito che sta evaporando, ma d’altronde se uno tradisce i propri ideali non deve stupirsi se qualcuno saluta e ringrazia».

Il centrodestra compatto vincerà, ripete come un mantra, ed anche «se qualcuno si tirerà fuori è libero di farlo, ma conterà men che zero». Infine una battuta nei confronti degli avversari del centrosinistra. «Preferisco sempre la produzione artigianale a quella industriale, il tonno artigianale a quello industriale – ha dichiarato – La Lega è a disposizione della Calabria per vincere. Nella coalizione ci saranno anche formazioni civiche, ma la lista della Lega sarà una: il mondo di impresa, del commercio, delle professioni, anche senza tessera in tasca, saranno comunque rappresentati».

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •