Salta al contenuto principale

Napoli, vertenza Whirlpool: tragedia chiusura

Campania
Chiudi
Apri
Nella foto: 
foto ansa,
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

 - "L'azienda sta provando a venire meno ai patti. Ci avevano annunciato investimenti, che avrebbero portato nuove produzioni. Ora a distanza di sette mesi ci dice che non è vero niente, sfilandosi da Napoli e rinnegando il patto". Lo ha detto Gianluca Ficco, segretario nazionale della Uilm intervenendo all'assemblea dei lavoratori Whirlpool, che presidiano lo stabilimento da venerdi scorso dopo l'annunciata cessione del sito di via Argine. Secondo Giovanni Sgambati, segretario generale Uilm Campania, "se il Governo non è in grado di far recedere una multinazionale è un Governo inutile".
    "Nessuno può mettere una croce rossa su questo stabilimento - ha affermato Alessandra Damiani, segretaria nazionale Fim Cisl - c'è un accordo ancora valido". "Abbiamo davanti a noi una lotta durissima - ha affermato Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom - per contrastare una decisione presa con freddezza, da una multinazionale che non risponde a nessuno". In apertura qualche momento di tensione con troupe tv.

Terzo giorno di presidio per i lavoratori della Whirlpool di via Argine a Napoli, mobilitati per scongiurare le conseguenze della cessione del sito annunciata dall'azienda. Le tre organizzazioni dei metalmeccanici hanno promosso un'assemblea di tutti i lavoratori per contrastare la decisione della multinazionale e rilanciare le iniziative di lotta degli operai.
    Ma l'attenzione di tutti è concentrata sul vertice convocato per martedì alle 15 al Mise: è annunciato un vero e proprio esodo dei lavoratori verso la Capitale, con almeno mille persone pronte ad un sit-in di protesta. Nella fabbrica occupata, non mancano iniziative originali a sostegno della mobilitazione.
    Molti operai da questa mattina indossano la maglietta della divisa da lavoro con una spunta verde sul simbolo aziendale. Una risposta alle slide presentate dalla multinazionale venerdì scorso ai sindacati che 'cancellavano', con una spunta rossa, lo stabilimento partenopeo dalla geografia della Whirlpool in Italia.
   

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?