X
<
>

Condividi:
1 minuto per la lettura

Scende l’incidenza del contagio da covid in Italia nell’ultima settimana, in calo indice Rt, solo in Calabria e Umbria ricoveri sopra il 15%

ROMA – In calo l’incidenza settimanale a livello nazionale dei casi Covid: 88 ogni 100.000 abitanti (13/01/2023 -19/01/2023) rispetto a 143 ogni 100.000 abitanti (06/01/2023 – 12/01/2023).

Nel periodo 28 dicembre 2022-10 gennaio 2023, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici di Covid registrati in Italia è stato pari a 0,89 (range 0,74-1,06), in diminuzione rispetto alla settimana precedente e sotto la soglia epidemica.

È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO IN ITALIA

L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è in diminuzione e rimane sotto la soglia epidemica.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in calo al 2,3%, era il 3,1% nella rilevazione giornaliera del ministero della Salute al 12 gennaio). Per quanto riguarda le terapie intensive, tutte le regioni/province autonome restano sotto il 5% di occupazione, con il dato più alto in Sicilia (4,6%).

Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 7,9%. Questa settimana i ricoveri Covid superano la soglia del 15% in area medica solo in due regioni: Calabria (16,3%) e Umbria (21,9%). Appena sotto il 15% ci sono Basilicata (14,6%) e Sicilia (14,8%).

Nessuna Regione è classificata a rischio alto. Quattro sono a rischio moderato e diciassette classificate a rischio basso.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE